Mar 14 Gen 2020 - 1599 visite
Stampa

Si attende l’autopsia sul corpo del giovane Abdì

Colletta degli ex compagni di scuola dell’Ipsia per sostenere le spese del funerale

di Giada Magnani

Argenta. Sulla prematura scomparsa di Maiss Abdelilah, il 20enne argentano di origine marocchine, morto venerdì scorso, nell’arco di 48 ore, a seguito di un malessere al momento ancora da decifrare, si sono aperte delle indagini.

Le verifiche partono dalla prima presa in cura (al pronto soccorso del Mazzolani-Vandini) del ragazzo fino alla sua dismissione, e alla nuova presa in cura ospedaliera (al Sant’Anna di Cona) dove poi il cuore di Maiss (Abdi per gli amici) ormai in coma, ha cessato di battere.

Al momento di certo c’è che una volta effettuato il riconoscimento della salma, si procederà all’autopsia del corpo, che si trova a disposizione del magistrato all’istituto di medicina legale di Ferrara.

Intanto alle innumerevoli manifestazioni di cordoglio e commozione, si aggiungono le condoglianze del sindaco Andrea Baldini, che a nome dell’interra comunità, si fa promotore di un messaggio di “vicinanza alla famiglia, colpita da questo grande e doloroso lutto. Una notizia terribile-ha detto in sostanza-che ci rattrista tutti, piangendo la perdita di questo nostro giovane concittadino”.

Continuano intanto le iniziative dei suoi ex compagni di scuola dell’Ipsia che, insieme al corpo docenti e alla dirigenza, hanno avviato una raccolta fondi alla memoria per sostenere ed aiutare papà, mamma, sorella e fratellino, ad affrontare le spese del funerale.

Funerale che dovrebbe celebrarsi secondo il rito musulmano, con la bara avvolta in un telo bianco, tumulata in terra, ma nel cimitero del paese da dove i suoi cari sono partiti: a Beni Mallal, a 2750 chilometri di distanza.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi