Mer 20 Nov 2019 - 1514 visite
Stampa

Luigi Mozzani: Cento e Pieve unite nel segno della musica

Tre giorni di iniziative in onore del grande maestro, compositore e liutaio centese

di Serena Vezzani

Cento. “Due piccoli comuni per una grande cultura”: così la presidente della fondazione teatro Borgatti Milena Cariani ha definito la tre giorni previsa da venerdì 22 novembre a domenica 24 in occasione dei 150 anni dalla nascita di Luigi Mozzani, grande maestro, compositore e liutaio che nei primi anni del Novecento nella città del Guercino e a Pieve di Cento inaugurò una tradizione musicale e artistica unica nel suo genere.

L’iniziativa vede il supporto dei due Comuni di Cento e Pieve di Cento, in collaborazione con l’Unione Reno Galliera per la gestione del teatro Alice Zeppilli, la fondazione Caricento, la fondazione Teatro Borgatti, la scuola di artigianato artistico e l’asilo infantile Giordani: grande novità, spiega infatti l’assessore alla cultura di Cento, Elena Melloni, il coinvolgimento dei più piccoli. “Con il laboratorio dimostrativo e didattico ‘Il mestiere del liutaio. Come nasce uno strumento musicale’, la giornata di venerdì sarà tutta dedicata ai bambini, con tre turni che vedranno la partecipazione dei bambini dell’asilo Giordani, e poi bambini e ragazzi dai 4 ai 14 anni: verrà mostrata loro una magia, da legno alla musica”.

Per la giornata di sabato, invece, dalle 10 alle 12, e poi dalle 15.30 alle 18 sono previste le visite guidate al Museo della musica e alla Scuola di liuteria di Pieve con i maestri liutai e gli allievi al lavoro, a cura di Gianni Cavicchi, rappresentante della scuola di artigianato artistico, e Giovanni Intelisano, maestro liutaio: una giornata all’insegna “della continuità e della tradizione”, dichiarano, che culminerà in un momento musicale alle 21 presso la Chiesa di San Sebastiano e San Rocco a cura di Brotherhood dal titolo ‘Mozzani e il suono antico” con Carlo e Cesare Sampaolesi alla fisarmonica e alla chitarra, musicisti del Comune di Castelfidardo.

Domenica 24 novembre, invece, alle 17.30 presso il teatro Alice Zeppilli ci sarà il concerto del duo mandolino e chitarra di Sergio Zigiotti e Fabiano Merlante, che eseguiranno il repertorio originale per mandolino e chitarra di Mozzani nel primo 900, e a seguire l’inaugurazione della mostra ‘Officina cantiere Luigi Mozzani’ presso il museo della musica, visitabile fino al 6 gennaio.

Anche per la fondazione Caricento “l’evento rappresenta un importante trait d’union tra divulgazione della cultura e sensibilizzazione del territorio” dichiara la presidente Cristiana Fantozzi, affiancata da Gianni Cerioli, coodinatore della commissione arte della fondazione. “In particolare la figura di Luigi Mozzani è importante nella nostra attività, in quanto già dal 2005 abbiamo acquistato diversi strumenti Mozzani per poi concederli in comodato d’uso gratuito ai due Comuni per esporli e valorizzarli”.

Inizia così il primo passo di una sinergia “fatta di entusiasmo, volontà e una buona dose di incoscienza” secondo l’assessore alla cultura di Pieve di Cento Angelo Zannarini, “con un evento che mette al centro gli strumenti musicali, da considerare alla stregua di veri e propri gioielli e opere d’arte, che parlano un linguaggio da non dimenticare”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi