Mar 5 Nov 2019 - 131 visite
Stampa

Unità nazionale. Tosi: “Evitare che si ripetano le atrocità del passato”

Il sindaco riprende il discorso del Presidente Mattarella per la celebrazione del 4 Novembre

di Pietro Perelli

Fiscaglia. Il sindaco Flavio Tosi, alla presenza delle autorità militari e della società civile ricorda il IV novembre, Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Lo fa attraverso le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel discorso del 31 ottobre tenuto al Quirinale durante la cerimonia di consegna delle decorazioni dell’Ordine Militare d’Italia. “In questa giornata dobbiamo ricordare – dice il sindaco – le atrocità della guerra per noi e per le nuove generazioni perché queste non si ripetano”. “Le parole del Presidente della Repubblica – aggiunge a latere – mi sono sembrate particolarmente significative ed è per questo che ho deciso di riprenderle”.

Il IV novembre fu istituito all’indomani della fine della Prima Guerra Mondiale per ricordarne la fine e il termine della riunificazione nazionale iniziata nel risorgimento. Il Presidente della Repubblica la ricorda come “una guerra devastante, come mai avvenuto prima, purtroppo replicata solo due decenni dopo con il secondo conflitto mondiale. Scienza, tecnologia, metodologie erano state interamente dedicate ad annientare l’avversario. Scarsa attenzione era rivolta ai propri soldati. Il mondo era definitivamente cambiato e, purtroppo, a danno dell’umanità”.

Oggi, conclude Flavio Tosi, “cerchiamo tutti di mantenere alta l’attenzione, ogni giorno, su
quella che è la nostra storia per evitare che le atrocità del passato non si ripetano nel
presente”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi