Gio 17 Ott 2019 - 83 visite
Stampa

Luca Vencato racconta il proprio ‘derby’ a spicchi

Il playmaker della Feli Pharma sarà il grande ex di giornata, domenica contro Mantova

Vencato in difesa contro Orzinuovi (Foto di Alessandro Castaldi)

di Andrea Mainardi

Archiviata la bruciante sconfitta sul campo di Ravenna, i biancoazzurri del Kleb si preparano a tornare all’ Mf Palace dove domenica arriverà Mantova, già battuta qualche settimana fa in Supercoppa.

Si tratterà di una partita non da poco per il playmaker Luca Vencato che proprio tre le fila degli Stings ha vissuto tre stagioni, tra buone prestazioni e pesanti infortuni. Lo stesso Vencato racconta le proprie sensazioni riguardanti le ultime uscite della Feli Pharma e non solo, ai microfoni di Radio 5.9 durante la trasmissione ‘Speak & Roll’: “Con Ravenna è stata una gara molto combattuta che si è risolta nel finale per via di alcuni episodi. Ravenna ha disputato un buona partita da tre punti, mentre noi abbiamo tirato con percentuali troppo basse. Probabilmente con un’esecuzione migliore da parte nostra, il risultato sarebbe stato diverso. Il terzo quarto è stato quello decisivo, abbiamo subito un break importante e non siamo riusciti a tenere il vantaggio. Con Orzinuovi abbiamo condotto per 35 minuti, poi ci siamo rilassati troppo concedendo ai bresciani il rientro in partita. E’ un errore che non dobbiamo ripetere, ma abbiamo giocato per buona parte della gara ad alti livelli in attacco e in difesa”.

All’ombra del Castello Estense il playmaker sembra già a suo agio: “A Ferrara ho trovato una società unita e disposta a crescere. C’è un gruppo di compagni con una buonissima chimica dentro e fuori dal campo. Sono ingredienti importanti per raggiungere i nostri obiettivi”.

Inevitabile il passaggio riguardanti i suoi trascorsi mantovani: “Sono stati tre anni importanti per me come giocatore e come persona. Ho lavorato con allenatori e società diverse, ho dato sempre tutto in campo anche quando mi è stata data la possibilità di essere capitano nonostante la mia giovane età – afferma – . Spero di aver lasciato un buon ricordo di me, è stata un’esperienza che mi ha infuso più certezze su determinati aspetti del gioco. Mi sarebbe piaciuto che quest’estate fosse andata diversamente. Ovviamente all’inizio della scorsa stagione non mi sarei aspettato di affrontare due brutti infortuni. A Mantova però sono stato bene, purtroppo la mia giovane carriera è stata costellata da piccoli infortuni che non mi hanno permesso di esprimermi come volevo. Questo è forse il mio rammarico più grande a Mantova. Gli Stings non sono praticamente cambiati dall’anno scorso. Per me è la partita più attesa e che mi evocherà più ricordi. Sarà bello ed emozionante rivedere i miei compagni in campo. È una squadra forte e fisica in difesa e che può essere molto pericolosa nel tiro da tre punti – conclude il play -. Ci aspetta una partita in cui i dettagli faranno la differenza”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi