Sab 5 Ott 2019 - 2290 visite
Stampa

Metropoli di Paesaggio è salpata: da Ferrara a Pieve si va in battello

Dalla Darsena di San Paolo all'Oasi in quarantacinque minuti. L'assessore regionale Raffaele Donini: "Siamo sulla strada giusta"

di Davide Soattin

Natura, terra e tanta acqua sono state le indiscusse protagoniste del viaggio inaugurale di Metropoli di Paesaggio – progetto pilota finanziato dall’Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po e dai progetti europei Climate Kic e Interreg Adrion5Senses – che, nel pomeriggio di venerdì 4 ottobre, ha mosso i suoi primi passi lungo le acque del canale di Burana, salpando dalla Darsena di San Paolo tra l’entusiasmo dei numerosi partecipanti, come i consiglieri regionali Marcella Zappaterra e Paolo Calvano, il consigliere comunale Francesco Colaiacovo e la presidente della provincia Barbara Paron.

A bordo della navetta fluviale anche Raffaele Donini, assessore regionale ai Trasporti: “Questo progetto nasce con un’ambizione unica e si sviluppa nel segno di una sostenibilità che sia capace di attirare quei turisti che abbiano necessità e voglia di muoversi per scoprire le bellezze naturalistiche e storiche del nostro territorio. La regione sta sollecitando affinché vengano sbloccati i fondi per la manutenzione straordinaria delle idrovie ferraresi. Questa meravigliosa esperienza parla di noi, della nostra storia e della nostra cultura. Dimostra che siamo sulla strada giusta e dobbiamo fare in modo che questa bella sinergia si possa continuare”.

Dopo circa quarantacinque minuti di navigazione senza intoppi, un nutrito gruppo di curiosi e addetti ai lavori si è preparato ad accogliere il battello allo stop finale dell’Oasi di Vigarano Pieve, dove a tempo di record – solo dieci giorni ci sono voluti per realizzarlo – è stato costruito un pontile di sbarco interamente in legno, inaugurato per l’occasione con il consueto taglio del nastro, tra gli applausi e la gioia dei presenti.

Una volta toccata la terraferma poi, in sella alle biciclette messe a disposizione gratuitamente da BiciDelta del Po o a bordo della navetta di Tper, i circa ottanta passeggeri dell’imbarcazione si sono diretti verso il PalaVigarano, palcoscenico d’eccezione del primo appuntamento del festival InDipendenze che, organizzato dall’amministrazione comunale vigaranese e dalla scrittrice Angela Iantosca, ha visto un incontro con Federica Angeli, giornalista autrice del libro A mano disarmata, impegnata in un dialogo con gli studenti delle scuole medie di Vigarano Mainarda.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi