Mer 11 Set 2019 - 328 visite
Stampa

Perché avere paura di un simbolo?

In riferimento alla lettera dal titolo “La scuola non ha bisogno di simboli” di lunedì 9 settembre, non vorrei alimentare ulteriormente la polemica sul crocifisso nelle aule, tuttavia sorrido bonariamente quando leggo “LA SCUOLA NON HA BISOGNO DI SIMBOLI, non ha bisogno di simboli che dividano, che escludano, che creino emarginazione…” ed ancora “Io non mi riconosco in questa identità culturale, la mia identità culturale è fatta di altro, porta in sé valori di pace, di accoglienza, di solidarietà, di dialogo, di condivisione, di rispetto delle differenze”.

Se non sbaglio, indipendentemente dal discorso fede, l’uomo Gesù Cristo non ha fatto altro che insegnare (e soprattutto vivere), pace, accoglienza, solidarietà, dialogo, condivisione e rispetto delle differenze.

Ed allora perché tanta avversione verso un simbolo, se quel simbolo vuole trasmettermi qualcosa di buono? (Il bene è comunque bene da qualunque parte arrivi)… non sarà piuttosto che quel particolare simbolo dà un po’ fastidio perché ci ricorda che qualcuno ha messo veramente in pratica ciò che predicava?

Marco Bertinato

Un semplice cittadino

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi