Mar 10 Set 2019 - 10107 visite
Stampa

Fermate Naomo. Appello a Fabbri dopo le ultime gesta del suo vice

Maisto: Basta aggressioni e schifezze da parte di Nicola Lodi. “Nessuno è padrone della città”

Massimo Maisto

Fermate Naomo prima che sia troppo tardi. È il senso dell’appello che Massimo Maisto rivolge al sindaco Alan Fabbri. Dopo le ultime intemperanze e gaffe, Maisto, in qualità di reggente del Pd “ma anche da ex vicesindaco e soprattutto come cittadino ferrarese” si rivolge a Fabbri con una lettera aperta: “fermi il suo primo collaboratore perché la città e la comunità che avete l’onore e l’onere di governare non meritano minacce, vendette, linguaggi triviali e foto morbose”.

Maisto ricorda al primo cittadino leghista che “avete speso fior di quattrini per il gabinetto del sindaco, assunto comunicatori, segretarie particolari, direttori generali e comprato crocefissi e super computer: li usi per raccontare cosa state facendo e cosa farete, non siamo più in campagna elettorale. Ferrara è una città intelligente, gentile e pacifica che anche se ama discutere, a volte litigare, alla lunga non ama alzare i toni”. Maisto considera invece Ferrara “una città dove spesso anche i grandi conflitti e i grandi temi si moderano e si ammorbidiscono, a volte può sembrare un difetto, invece spesso è un aspetto positivo, perché un buon compromesso non è sempre negativo, ma può essere un punto di incontro tra persone diverse”.

Basta insomma continuare a creare un clima di odio da parte della Lega come in campagna elettorale: “le elezioni le avete vinte, noi le abbiamo perse, noi dobbiamo riflettere sui nostri errori e dobbiamo chiedere scusa se non siamo stati convincenti, voi però adesso, come Lei ha detto più volte, governate per nome e per conto di tutti i cittadini, ripeto, con oneri e onori”.

Vale a dire “portate avanti i vostri programmi, sostenete i progetti che per voi sono più meritevoli, rinunciate alle cose che non ritenete utili; non c’è bisogno di bullismo, di ritorsioni o di fare i ‘padroni’”.

Maisto elenca quindi gli ultimi episodi di degrado morale portati avanti dal vicesindaco: “Aggredire un’associazione mite e concreta come Carpemira è sbagliato, pubblicare foto del fondoschiena di un papà, anche se è un papà che fa politica, è una schifezza

. Forse Lodi non lo sa, abituato a fare il bullo da sempre, ma quando si viene minacciati da chi ha potere non ci si dorme la notte, si sta male personalmente. Lei, che si dice Sindaco di tutti, vuole questo per i cittadini non graditi al primo collaboratore? Fra un po’ avrete il bilancio preventivo, fate in quel momento le scelte strategiche e non nei post urlati”.

Il reggente del Pd conclude con una annotazione personale “che spero lei possa portare in mia vece al suo Vicesindaco: siamo in diversi ex Vicesindaci a Ferrara, prima o poi anche Lodi sarà un ex Vicesindaco perché i nostri incarichi sono tutti pro tempore e nessuno di noi è padrone della città. Quando sarà un ex forse scoprirà che sono più importanti i segnali di stima dei cittadini che magari la pensano diversamente, piuttosto che gli applausi dei propri ultras”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi