Lun 9 Set 2019 - 1236 visite
Stampa

Cimice asiatica. Confagricoltura invoca l’aiuto delle banche

L'associazione degli agricoltori ferraresi di sospendere il pagamento dei mutui. Il presidente Vertuani: “Vogliamo le armi per difenderci: le sostanze attive contenute negli agrofarmaci”

Le banche aiutino i frutticoltori del territorio ad affrontare il flagello della cimice asiatica. È l’appello di Confagricoltrua Ferrara in un anno nero per l’agricoltura.

È attraverso la voce del proprio presidente Gianluca Vertuani che l’organizzazione degli imprenditori agricoli ferraresi trasmette la propria sollecitazione, esprimendo nel contempo tutta la propria apprensione: “Stiamo chiedendo a tutte le istituzioni di tutti i livelli, provinciali, regionali e nazionali, di raccogliere il grido di aiuto che si alza forte dalle campagne ferraresi e da quelle delle altre province frutticole del nord Italia, e di accordare quelle misure in grado di scongiurare la chiusura di tante belle realtà imprenditoriali, che fino a poco tempo fa contribuivano a rappresentare la straordinaria eccellenza del Made in Italy agroalimentare nel mondo e che per colpa di un insetto che da noi non dovrebbe esserci e per una malattia fungina (la maculatura bruna del pero) che sino allo scorso anno eravamo in grado di controllare, oggi si ritrovano senza frutta da raccogliere e senza un reddito con cui fare fronte al pagamento della manodopera, dei propri fornitori, del contributi previdenziali e dei tanti balzelli che gravano sul comparto agricolo”, afferma Vertuani.

“Le richieste che abbiamo formulato per consentire al comparto frutticolo di non morire, sono chiare e attuabili – prosegue il presidente di Confagricoltura Ferrara – basta la volontà di farlo. Tra queste, vi è anche la richiesta di sospendere il pagamento dei mutui, una misura indispensabile se non vogliamo che le aziende chiudano domani, con tutte le conseguenze che ciò si porterebbe dietro per la nostra provincia, non ultimo l’incremento della disoccupazione. E allora noi chiediamo alle istituzioni ed al mondo bancario di ascoltarci e di creare le condizioni affinché questa richiesta venga accolta, perché dalla fine di un comparto così importante per la nostra provincia, non ci guadagnerebbe nessuno”.

Non solo. Confagricoltura chiede che l’aiuto sia di altro tipo, diretto questa volta: “Vogliamo le armi per difenderci, quelle armi che continuamente ci vengono tolte, e mi riferisco alle sostanze attive contenute negli agrofarmaci, come ad esempio il Thiram – spiega il presidente di Confagricoltura -. Non si possono togliere agli agricoltori i prodotti indispensabili per proteggere le piante dalle tante malattie che le insidiano, senza avere prima individuato una valida alternativa. Così è successo con la maculatura bruna del pero (malattia fungina che determina la marcescenza del frutto), perché oggi non abbiamo un solo agrofarmaco, il cui utilizzo sia consentito, in grado di affrontarla, e così accadrà ancora se non si modificherà questa assurda procedura, che non produce comunque alcun effetto, perché così facendo si affossa un settore (e la nostra economia), che non produrrà più frutta, che andremo a comprare all’estero (come già oggi purtroppo facciamo), senza sapere mai esattamente quali prodotti vengano usati per realizzare frutta e verdura così bella (ma un’idea se la può fare anche il più sprovveduto dei consumatori). Poi vogliamo poter agire subito a difesa delle nostre produzioni dalla cimice, prima che sia troppo tardi”.

“Non ci accontentiamo dell’immissione della vespa samurai (che comunque chiediamo venga presto attuata), perché è immaginabile che ci vorrà del tempo prima che possa essere efficace, tempo che gli agricoltori non hanno – spiega Vertuani -. Chiediamo che venga accordata l’attuazione di una efficace difesa chimica, come quella che nei giorni scorsi è stata autorizzata in Spagna nelle risaie, dove la cimice ha cominciato a creare danni cospicui. I prodotti che in Italia produciamo, sono sottoposti a controlli infiniti prima di essere messi in commercio; dove erano coloro che avrebbero dovuto vigilare affinché questo insetto non entrasse nel nostro Paese? Ora è il comparto agricolo a pagarne le conseguenze. Gli agricoltori stanno aspettando – conclude Vertuani – se si renderanno conto che anche il prossimo anno dovranno combattere contro cimice ed alternaria a mani nude, accenderanno le motoseghe, e sarà la fine della nostra frutticoltura”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi