Mar 16 Lug 2019 - 1020 visite
Stampa

Nuove rotatorie sulla Romea, “confronto positivo” tra sindaci e Anas 

Lavori di messa in sicurezza a Codigoro, Mesola e Goro: "Concretizzato un intervento importante per le nostre infrastrutture"

I sindaci Diego Viviani, Sabina Alice Zanardi e Gianni Michele Padovani alla sede Anas

La costruzione di tre nuove rotatorie e la messa in sicurezza degli incroci già esistenti sulla Romea. Sono stati i temi all’ordine del giorno dell’incontro nella sede regionale di Anas tra il dirigente Mario Liberatore e i sindaci di Codigoro Sabina Alice Zanardi, di Mesola Gianni Michele Padovani e di Goro, Diego Viviani, per fare il punto della situazione in merito al progetto sulla statale 309 nei territori in questione.

Nel corso del “proficuo incontro”, come definito dagli stessi sindaci, è emerso che Anas ha già provveduto ad avviare al Ministero dell’Ambiente, nel mese di giugno scorso, le pratiche relative alla realizzazione delle rotatorie. Sono attese risposte nel breve.

A settembre, inoltre, prenderà il via la Conferenza di servizi per l’acquisizione dei pareri sul primo stralcio degli interventi, ma è prevista una procedura snella per l’affidamento dei lavori, in quanto Anas prevede di eseguirli tramite gli accordi quadro già aggiudicati, evitando così i tempi necessari per le procedure di gara.

La progettazione prevede la costruzione di tre rotatorie, la prima in prossimità dell’incrocio con via della Cooperazione (zona Conserve Italia) a Codigoro, la seconda a Mesola, a sostituzione dell’intersezione semaforica con la strada provinciale via Cristina e la terza a San Giuseppe, oltre alla messa in sicurezza delle ulteriori intersezioni limitrofe esistenti.

Contestualmente saranno avviate anche le procedure di un secondo stralcio, che comprenderà la realizzazione di tre nuove rotatorie, la prima delle quali nel Comune di Mesola, in corrispondenza dell’incrocio con via Garibaldi, la seconda in prossimità dell’ingresso alla frazione di Volano, nel Comune di Codigoro e la terza a Vaccolino, oltre a ulteriori sistemazioni di intersezioni esistenti.

I tre sindaci si dichiarano molto soddisfatti dell’esito dell’incontro “perché finalmente si vede concretizzare un intervento importante per i nostri territori – affermano all’unisono Sabina Alice Zanardi, Gianni Michele Padovani e Diego Viviani -; si giunge a compimento di un lungo e costruttivo lavoro di concertazione. Confidiamo che in tempi brevi possano essere fruibili nuove infrastrutture, fondamentali per la sicurezza stradale nei nostri territori”.

Anas ha confermato che gli interventi rientrano nel piano di riqualificazione dell’itinerario E 45/E55 e i fondi sono interamente stanziati nell’ambito del contratto di programma 2016/2020.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi