Gio 27 Giu 2019 - 2036 visite
Stampa

Strage di alberi sulla SS16, Mantovani (M5S): “Emergenza ambientale e climatica”

Il consigliere dei Cinque Stelle punta il dito verso Anas, responsabile di aver abbattuto diversi alberi lungo la via Ravenna per motivi di sicurezza

di Davide Soattin

“Siamo qui senza stemmi di partito, perché gli alberi son di tutti”. Così Tommaso Mantovani, consigliere del Movimento Cinque Stelle, ha aperto un’inedita conferenza stampa open-air per discutere e lanciare un campanello d’allarme sulla “strage di alberi” consumatasi nei giorni scorsi sulla via Ravenna per mano di Anas, obbligata a intervenire drasticamente per motivi di sicurezza stradale.

Una strage che ha visto coinvolti sani e robusti pini marittimi, bagolari e tigli sradicati dal terreno e lasciati soli al loro destino, sebbene esista un “regolamento di verde pubblico e comunale che affermi come gli alberi sopra i 60 centimetri di circonferenza debbano essere tutelati e abbattuti con un permesso speciale, mentre i pioppi e altre specie devono raggiungere i 120 centimetri per fare ciò”.

“Alla fine della settimana passata – ha spiegato l’ex candidato sindaco dei pentastellati – hanno cominciato a piallare tutto per permettere la messa in sicurezza dei due svincoli tra la statale e la Ferrara-Mare, applicando l’articolo 26 comma 6 del codice della strada, che prevede la totale assenza di alberi a sei metri dal ciglio della strada. Ora mi chiedo se abbiano intenzione di farlo anche con gli ottanta chilometri che ci separano da Ravenna, dato che qui stiamo parlando di alberoni che hanno più di cento anni”.

L’appello dei grillini è poi proseguito: “Vorremmo sapere chi ha dato l’autorizzazione a tutto questo, e soprattutto ci premerebbe conoscere se stiamo parlando di qualcosa che è regolare. Chiediamo che la strada venga messa in sicurezza con l’uso di guardrail e una manutenzione di tipo ordinario e costante, in modo tale da non abbattere più alberi di netto. Cominceremo a fare delle segnalazioni e faremo un esposto anche alla Procura della Repubblica, per verificare se sia avvenuto o meno un reato da imputare all’Anas”.

“Gli abbattimenti di questo genere – ha concluso Mantovani – non andrebbero nemmeno fatti in questo periodo, tra marzo e luglio, visto che va tenuta in conto l’importanza di questi tempi in termini di nidificazione. Nei prossimi giorni dichiareremo l’emergenza sia ambientale che climatica. Proveremo già a farlo nel corso del primo Consiglio comunale della nuova Amministrazione”.

 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi