Lun 17 Giu 2019 - 2416 visite
Stampa

Patrizia Moretti incontra Alan Fabbri: “Le sue frasi vanno nella mia stessa direzione”

La mamma di Federico Aldrovandi riferisce di un colloquio cordiale e positivo: "Anche lui vuole arrivare ad una pacificazione in città"

Un incontro cordiale, che segna una sorta di pacificazione rispetto a un caso, quello dell’omicidio Aldrovandi, che, nonostante le sentenze a carico dei poliziotti che lo uccisero, ha diviso l’opinione pubblica cittadina. L’incontro tra Patrizia Moretti, mamma di Federico, e il neo sindaco di Ferrara Alan Fabbri, è qualcosa che va oltre la semplice stretta di mano e le formalità dell’etichetta.

Ne dà conto il Corriere di Bologna in un’intervista di Beppe Persichella alla Moretti, che a pochi giorni dal voto si era sfogata con un tweet sostenendo che “chi applaude agli omicidi è al potere della nazione e nelle fila di chi va al ballottaggio a Ferrara”, riferendosi agli applausi tributati dal Sap alcuni anni fa a tre dei quattro poliziotti condannati per l’omicidio di Fderico Aldrovandi. Fra loro c’era infatti il deputato della Lega Gianni Tonelli, all’epoca segratario generale del sindacato autonomo di polizia, e il segretario provinciale Luca Caprini, eletto in consiglio comunale a Ferrara nelle fila del Carroccio.

Così Patrizia Moretti non ha resistito alla ‘tentazione’, se così si può chiamare, di incontrare il nuovo sindaco di Ferrara, il leghista Alan Fabbri, anche per capire quale fosse la sua posizione sulla vicenda di cui il figlio è rimasto vittima. Una ‘curiosità’ che ha potuto soddisfare facilmente, dato che come dipendente comunale lavora a pochi passi dall’ufficio di Fabbri. E il resoconto dell’incontro, come riferito dalla stessa Moretti, è stato positivo.

“Le frasi che ha pronunciato vanno nella mia stessa direzione”, spiega la Moretti al Corriere, riferendo che il sindaco Fabbri “vuole segnare una rottura rispetto all’atteggiamento che c’è stato fnora sul caso di Federico, che considera molto grave, così come considera gravi i comportamenti avvenuti in Questura”. Fabbri avrebbe aggiunto alla madre di Federico che “vuole arrivare ad una pacificazione in città”. “Ed è quello che voglio pure io”, ha dichiarato Patrizia Moretti. Precisando poi di aver “ritirato tutte le querele perché ritengo che non ci sia più nulla da dire, è tutto chiaro. E vorrei che la mia città e l’Italia prendessero atto che è successa una cosa gravissima”.

Sempre in merito all’esito dell’incontro con Alan Fabbri, Patrizia Moretti, dopo aver puntualizzato che nella Lega ci sono esponenti “che ancora rilasciano dichiarazioni che mi feriscono”, ha parlato di atteggiamento umanamente molto positivo. “Mi sembra una persona genuina”, ha detto, aggiungendo prudenzialmente “vedremo quel che accadrà, è ancora presto”. Ma ciò che più conta, al momento, è che “le frasi che ha pronunciato vanno nella mia stessa direzione”. “Ci sono delle sentenze di condanna – chiude l’intervista della Moretti – prendiamone atto e consideriamole tali. E proviamo a fare finalmente dei passi avanti”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi