Mer 12 Giu 2019 - 113 visite
Stampa

Ex zuccherificio, la Regione apre al M5S sulla bonifica

Il consigliere regionale pentastellato Andrea Bertani Bertani parzialmente soddisfatto: "Permane la preoccupazione per il progetto di Sipro"

Veduta aerea dell’area dell’Ex Zuccherificio di Comacchio

Comacchio. “Siamo parzialmente soddisfatti della risposta dell’assessore. Parzialmente perché la preoccupazione rimane tutta sul progetto presentato, visto che l’assessore non ha fugato i dubbi, ma siamo contenti che il progetto alternativo nato dalla cittadinanza venga valutato”. Sono le parole di Andrea Bertani utilizzate per rispondere all’intervento dell’assessore all’ambiente Paola Gazzolo, interpellata dallo stesso consigliere del Movimento in merito alla situazione riguardante il progetto di ri-naturalizzazione delle vasche di decantazione dell’ex zuccherificio di Comacchio, attualmente di proprietà di Sipro.

Nell’interpellanza, presentata oggi in aula, il pentastellato ha chiesto all’esecutivo se non ritenga che “sussistano valide ragioni, sia di natura paesaggistica e ambientale sia di tutela della salute pubblica, per annullare le autorizzazioni, i nulla osta e le concessioni rilasciate per la realizzazione del progetto”. In particolare il consigliere ha domandato “se sia mai stata fatta una Valutazione di incidenza ambientale, se l’Ente di gestione dei Parchi e Biodiversità del Delta del Po abbia richiesto il preventivo parere di Arpae per conoscere l’idoneità chimico-fisica dei terreni; se non siano necessarie le analisi sui terreni parzialmente bonificati, tenendo conto che le vasche di decantazione si trovano a pochissima distanza da un centro abitato e confinano con il Canale navigabile, se non sia importante individuare e localizzare i terreni scavati in situ e prevedere arginature, non solo provvisorie come quelle programmate, per garantire la pendenza dei terreni onde evitare il rischio frane”.

Inoltre, data la notevole durata temporale prevista (dieci anni), come sottolineato da Bertani, “il progetto di ri-naturalizzazione dovrebbe essere considerato più che altro come un deposito di materiale terroso solo parzialmente decontaminato”. Per questo il pentastellato chiede “se non sia più opportuno ripristinare l’habitat delle terre umide, indispensabili per combattere le alluvioni e i cambiamenti climatici, piuttosto che perseverare con operazioni di interramento e cattiva bonifica”.

Domande a cui Gazzolo ha replicato sottolineato che “per autorizzare il progetto non risulta necessaria l’effettuazione della valutazione di incidenza ambientale perché l’area di intervento è esterna al sito Natura2000. L’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità- ha continuato- ha affermato inoltre che l’istanza progettuale della Si.Pro si allinea con quanto stabilito e disposto dalla normativa tecnica di attuazione del Piano di stazione centro storico”.

Infine l’assessore ha aggiunto: “Va evidenziato infine che, nell’ambito dell’operazione ‘ripristino ecosistema’ del Psr 2014-2020, è possibile presentare progetti di ri-naturalizzazione di aree a condizioni che queste siano classificate come agricole, abbiano una superficie di almeno un ettaro, siano ubicate in pianura e si preveda la realizzazione di boschetti, zone umide, prati umidi, siepi, complessi macchia e radura e altre tipologie di interventi di recupero”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi