Gio 9 Mag 2019 - 101 visite
Stampa

La storia degli Insorgenti del Basso Po nel libro di Alberto Ferretti

Presentazione venerdì 10 maggio nella sede elettorale di Fratelli d'Italia

Venerdì 10 maggio alle ore 18 presso la sede elettorale di Fdi, in piazza Trento e Trieste 39, si terrà la presentazione del romanzo storico “Gli Insorgenti del Basso Po”, del ferrarese Alberto Ferretti.

Il romanzo ha la prestigiosa prefazione dello storico e saggista Massimo Viglione, uno dei massimi esperti italiani sulle insorgenze. L’autore spiegherà i motivi che l’hanno indotto a fare una ricerca storica sugli episodi realmente accaduti durante l’invasione dell’Italia da parte dei francesi giacobini e Napoleone Bonaparte, tra il 1976 e il 1810. Fatti pressoché sconosciuti ai più, ma che coinvolsero centinaia di migliaia di italiani e causarono decine di migliaia di vittime.

Anche a Ferrara vi furono uccisioni efferate, come ad esempio in località Buttifredo a San Martino, dove è ancora visibile una lapide che ricorda la strage di una trentina di cittadini inermi, tra donne, anziani e bambini. Tutta la frazione fu infatti rasa al suolo e tutti i suoi abitanti furono trucidati dai francesi del Generale Mont Richard, con l’accusa di essersi opposti in armi agli invasori francesi che, bramosi di ricchezze e opere d’arte da inviare a Parigi e al Louvre, depredarono persino gli oggetti sacri dalle chiese del territorio. Era prassi anche arruolare forzosamente i giovani nell’esercito francese, togliendoli alle loro famiglie, per spedirli nelle campagne di guerra napoleoniche combattute in tutta Europa.

La saga degli insorgenti, che si sviluppa in una trilogia di romanzi, due dei quali sono già presenti nelle librerie di tutta Italia, tratta quello che accadde nel Dipartimento del Basso Po, ovverosia la vasta area che comprendeva le intere provincie di Ferrara, di Rovigo, parte del veronese, del bolognese e del Ravennate., e contiene diverse immagini e illustrazioni a corredo. Ferretti ha scelto di narrare i fatti realmente accaduti, che colpirono tanto duramente le nostre popolazioni da indurli a sfidare il più potente esercito del mondo di quei tempi insorgendo in armi, sotto la forma del romanzo storico, attenendosi cioè a quello che successe realmente, aggiungendo solo qualche personaggio di fantasia a fianco di quelli realmente esistiti al fine di rendere più fruibile al grande pubblico l’approfondimento storico. Ed è stato premiato in questo lavoro di ricostruzione dal gradimento di numerosi lettori.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi