Gio 18 Apr 2019 - 628 visite
Stampa

Vulandra, i suoi primi 40 anni

Presentata la nuova edizione in programma dal 25 al 28 aprile al parco urbano Bassani con un programma arricchito da iniziative didattiche e sportive

di Clelia Antolini

La Vulandra compie 40 anni. Torna il festival internazionale degli aquiloni a Ferrara, dal 25 al 28 aprile al Parco Urbano G. Bassani, con un programma arricchito da tante iniziative didattiche e sportive.

Il Gruppo Aquilonisti Vulandra e Arci Ferrara riportano in città i consueti ospiti per la tradizionale manifestazione patrocinata dal Comune di Ferrara e dalla Regione Emilia Romagna. Quattro giorni di volo libero ed esibizioni, ma anche di esposizioni di prototipi, fotografie e laboratori creativi, dalle 10 di mattina al tramonto.

“Grazie alla collaborazione di Hera – racconta Maurizio Cenci, presidente del gruppo aquilonisti Vulandra – abbiamo coinvolto i bambini della scuola di Pontelagoscuro in un progetto didattico per la promozione dell’energia pulita. Il risultato del progetto, oltre 100 aquiloni dipinti dai ragazzi, sarà esposto durante la manifestazione”. Reduci da un importante premio, al festival di Berck-Sur-Mer per l’inedito Uomo del Vento, gli esponenti del gruppo aquilonisti hanno saputo portare il nome di Vulandra in tutta Europa attirando ogni anno oltre 25mile presenze nella nostra città.

Fondamentale il supporto del Centro di Promozione Sociale “Il Quadrifoglio” di Pontelagoscuro, che fin dalla prima edizione si occupa dell’ospitalità. “La longevità di questa manifestazione – afferma l’assessore Simone Merli – è sicuramente merito del fatto che sia nata a Pontelaguscuro. Lì esiste una comunità estremamente attenta, laboriosa e collaborativa che riesce da sempre a mantenere vive attività e partecipazione. Siamo felici di essere riusciti a regalare una piazza alla comunità, perché nulla la rappresenta meglio che un luogo di apertura e condivisione”.

La manifestazione, sempre a ingresso libero, prevede quest’anno alcune attività su prenotazione, dai laboratori dedicati ai più piccoli, alla Kidsbike di Uisp, al corso di origami. Aperte a tutti, invece, le attività sportive curate da Decathlon e dal Prana Studio Yoga. “Come Arci Ferrara abbiamo cercato di coinvolgere molte realtà operanti sul territorio per proporre un vasto programma di attività collaterali”, spiega Carlotta Barillari, responsabile dell’intera organizzazione del festival.

Vulandra è sempre attenta all’accessibilità: sul sito del festival (www.vulandra.it) sarà reperibile una mappa indicante i percorsi più agevoli per spostarsi all’interno del parco.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi