Mer 10 Apr 2019 - 132 visite
Stampa

La gestione strutturata della terapia antibiotica in un convegno a Cona

Giovedì 11 aprile il corso a carattere regionale nel polo universitario del Sant'Anna

Marco Libanore

Marco Libanore

Giovedì 11 aprile (dalle ore 11 alle 17.30) l’Unità Operativa di Malattie Infettive Ospedaliera (diretta dal dott. Marco Libanore) ha organizzato – in collaborazione con il dottor Cultrera della Sezione Universitaria – presso il Polo Didattico dell’ospedale di Cona (Ferrara), un importante corso a carattere regionale dal titolo: “La Gestione Strutturata della Terapia Antibiotica nei Setting Complessi: indicazioni per una strategia vincente”.

Il corso, che vede tra i suoi docenti alcuni dei più preparati ed emergenti giovani infettivologi emiliano – romagnoli insieme ad illustri professori della locale Facoltà di Medicina, intende fornire un aggiornamento sulle più importanti novità nella diagnosi e nella terapia delle infezioni da Gram-negativi problematici (insieme ai Gram-positivi rappresentano i due principali gruppi in cui sono classificati la maggior parte dei batteri) e da clostridium difficile nei setting che accolgono pazienti gravi per la patologia di base e che sono incorsi in infezioni MDR (multifarmacoresistenti) che richiedono una competenza professionale specifica altamente qualificata.

L’abuso e l’impiego inappropriato degli antimicrobici ha determinato l’emergenza d’infezioni multifarmacoresistenti, soprattutto da microrganismi Gram-negativi difficili e da clostridium difficile. I reparti ospedalieri che ospitano i pazienti critici, fragili e complessi sono quelli a maggior rischio di complicanze infettive severe e per questo richiedono un approccio organizzativo adeguato ad affrontare le numerose problematiche in gioco, contemplando in particolare la gestione strutturata della terapia antibiotica secondo le più moderne indicazioni della Antimicrobial Stewardship. Quest’ultima, quando applicata con rigore, consente un netto miglioramento dell’outcome clinico limitando le ripercussioni sull’ecosistema batterico e contenendo lo sviluppo di forme di resistenza.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi