Sab 30 Mar 2019 - 1870 visite
Stampa

Ss16, Argenta attende risposte da Toninelli

Fiorentini e Baldini scrivono a Cinque Stelle e Lega: "Uno stop significherebbe aspettare altri dieci anni per un'infrastruttura prioritaria"

Argenta. Quale è stata la risposta del ministro Toninelli alla proposta di bloccare la nuova variante Ss16? A domandarselo sono Antonio Fiorentini e Andrea Baldini, sindaco e vicesindaco di Argenta, che chiedono aggiornamenti alle forze di opposizione, ovvero i gruppi locali di Cinque Stelle e Lega guidati da Luca Bertaccini e Ottavio Curtarello, che negli scorsi mesi avevano scritto al ministro alle infrastrutture Danilo Toninelli per chiedere il fermo alla progettazione.

“Si dichiarano contrari al progetto, ma se il ministro Toninelli fermasse il progetto per rivederlo (o per bloccarlo) significherebbe aspettare forse altri dieci anni per l’apertura dei cantieri, mentre noi oggi avevamo previsto che questi avrebbero potuto aprirsi nel 2021″ riferiscono Fiorentini e Baldini che sperano che la risposta del ministro “possa per una volta essere ragionevole e a favore del territorio“.

Anche perché “l’atteggiamento del ‘fermate tutto’ che la maggioranza di governo sta tenendo a livello nazionale e che vediamo applicato su tutte le grandi infrastrutture”, “non ci impedisce di stupirci e chiaramente non allevia le nostre preoccupazioni” commentano i vertici dell’amministrazione che, ora, “non sappiamo veramente cosa aspettarci per la statale 16 e non sappiamo cosa si possono aspettare gli argentani che vogliono vedere il proseguimento di un’opera in programmazione da quarant’anni“.

“Abbiamo lavorato per anni per sollecitare Anas e Regione nel procedere, a ritmi battuti, nella progettazione e nel finanziamento dell’opera che avvicinerebbe l’obiettivo del completamento del tratto della statale Ferrara-Ravenna – ricordano Fiorentini e Baldini -. Sono decenni che aspettiamo di poter fruire di collegamenti viari più funzionali alle esigenze commerciali, turistiche e quotidiane dei cittadini”.

“La statale sedici completata significa sviluppo economico, un’Argenta strategicamente al centro di un territorio produttivo ben collegato, e soprattutto strade sicure per gli automobilisti e per i cittadini argentani – assicura l’amministrazione -. Il tratto Argenta-Ravenna oggi è chiaramente inadeguato al traffico che sopporta, e Argenta è tagliata in due da più di 11.000 veicoli al giorno che impattano sulla sicurezza e sulla vivibilità del nostro centro”.

“Considerazioni lampanti, se volete banali, che condividiamo da decenni con la cittadinanza su un progetto che davvero percepiamo come prioritario per il nostro territorio e che mai avremmo pensato di dover, a questo punto, mettere in dubbio” ribadiscono sindaco e vice: “Sono anni che chiediamo a gran voce l’impegno dei governi che via via si sono succeduti e della Regione, e sono anni che discutiamo con istituzioni e cittadinanza sui temi e le questioni che riguardano tracciato e caratteristiche dell’opera. E il fatto che siano anni significa che già troppo tempo è stato perso, nell’abitudine delle pubbliche amministrazioni di dilatare i tempi di realizzazione delle opere, piccole e grandi”.

“Siamo davvero al punto in cui la proposta non è ‘fare’ ma fermare: le opere, le infrastrutture…ultimamente abbiamo sentito (costernati) che i Cinque Stelle vogliono fermare anche l’abbattimento delle nutrie perché sarebbe meglio investire soldi pubblici per sterilizzarle!” chiosano Fiorentini e Baldini che lanciano l’ultimo appello: “Fermate queste richieste, non le infrastrutture”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi