Gio 17 Gen 2019 - 114 visite
Stampa

Bacco torna a palazzo con 150 etichette di vini

Tutto pronto a Palazzo Roverella per la quarta edizione di "Bacco a Palazzo", il 19 e il 20 gennaio

di Simone Pesci

Le porte del palazzo si riaprono a Bacco. Nella fattispecie quelle di palazzo Roverella, che sabato 19 e domenica 20 gennaio ospiterà la quarta edizione di “Bacco a palazzo”, manifestazione che, quest’anno, potrà contare sull’esposizione di “150 etichette di vino, distillati, olio, cioccolato, formaggi e birra” rivela  Adelaide Vicentini, ideatrice e organizzatrice dell’evento.

In totale, gli espositori saranno 30 e rappresenteranno 35 realtà imprenditoriali, fra le quali una francese di Bordeaux e due importatori inglesi di vini italiani.

Ma non solo, perchè “Bacco a palazzo” darà anche la possibilità a 80 ospiti di poter partecipare, sabato sera dalle 21, a una cena di gala – posti quasi esauriti ma prenotabili ancora su www.baccoapalazzo.com – nella maestosa cornice di palazzo Roverella. “Si tratta di una cena con sei portate, nella quale abbiamo coinvolto lo chef stellato Simone Cappilli” aggiunge Pasquale Travagli, organizzatore dell’evento insieme a Vicentini, il quale assicura che nel menù sono stati abbinati “prodotti delle aziende presenti all’interno della manifestazione”.

Dove c’è vino c’è l’Associazione italiana sommelier, che approfitterà dell’evento per “approcciare tante persone a questo mondo diffondendo la cultura del cibo e del vino, ma anche del bere consapevole” anticipa Andrea Zanirati, vice delegato di Ais Ferrara. A questo intento plaude l’assessore al Commercio Roberto Serra, che nel citare il “preoccupante fenomeno giovanile dove prevale la logica della quantità rispetto alla qualità”, sostiene che si debba approfittare di “ogni evento che fa formazione corretta a tutto tondo”.

Sostenitore dell’iniziativa è Ascom-Confcommercio Ferrara, che per una convenzione farà sì che qualsiasi avventore che pernotterà una notte in città pagherà un ticket di ingresso di soli 10 euro, contro i 15 previsti. “Il tema del vino fa turismo, l’enogastronomia in generale fa turismo, perchè una delle ragioni per cui si sceglie una destinazione è anche la cucina” ammette Davide Urban, direttore di Ascom. Insomma, al Circolo Negozianti è tutto pronto: “Per noi ospitare “Bacco a palazzo” è sempre stato motivo di orgoglio, ed è un’iniziativa gradita anche ai soci” dà la definitiva benedizione Giovanni Piepoli, presidente del circolo.

La manifestazione sarà aperta dalle 10 alle 20 sia sabato che domenica. I costi del biglietti per una giornata è di 15 euro o 20 euro chi acquisterà entrambe le giornate, ridotti rispettivamente a 10 e 15 per i soci Ais. 

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi