Mar 15 Gen 2019 - 616 visite
Stampa

Negri: “La crisi del cattolicesimo ha favorito il proliferare di sette”

L'arcivescovo emerito sulle religiosità alternative: "Lo vedo uno strumento della Provvidenza per recuperare la nostra identità di cristiani"

di Simone Pesci

Occultismo, religiosità alternative e sette. A trattare l’argomento, nel corso dei “Tè letterari di San Benedetto” organizzato nell’omonimo cinema dalla omonima parrocchia, è stato l’arcivescovo emerito di Ferrara-Comacchio monsignor Luigi Negri.

Secondo Negri, il fenomeno delle religiosità alternative, è dovuto alla “crisi del cattolicesimo”, che coincide con il momento in cui “le sette sono proliferate”. Anche in una regione come l’Emilia-Romagna, che nonostante sia una realtà “cristianamente matura” vede la somma di coloro che “partecipano a vario titolo a queste sette supera, in maniera quasi inaspettata, le 25mila unità” rendiconta l’arcivescovo emerito.

Oggigiorno anche il cristianesimo stesso, sostiene Negri, è quasi diventato una sorta di setta: “Se fino a un certo punto la presenza del cristianesimo era imponente, oggi il massimo che ‘portiamo a casa’ è vedere che la cultura di oggi lo riconosce come una setta importante”. La più comune obiezione, che ha favorito la nascita di questi movimenti, indica il monsignore, è che” il cristianesimo ha fatto promesse irrisolte o non attuate”.

Paradossalmente, il fiorire di religiosità di alternative è letto da Negri quasi come un fattore positivo: “Lo vedo uno strumento della Provvidenza per recuperare la nostra identità e per svolgere la nostra missione di cristiani”. 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa