Lun 14 Gen 2019 - 709 visite
Stampa

Bondi travolta ancora in casa

Vince Treviso 72-98 nonostante le buone prestazione dei neo arrivi Ganeto e Campbell

(foto di Alessandro Castaldi)

di Andrea Mainardi

Si acuisce ulteriormente la crisi in casa Bondi. Treviso fa un sol boccone di Fantoni e compagni confermandosi compagine da altissima classifica nonostante l’assenza di un americano. Dopo un primo quarto equilibrato infatti la De Longhi è salita prepotentemente di tono in difesa, dominando in area sia al tiro che a rimbalzo sfruttando quindi al massimo il principale punto debole ferrarese (14-34 nel secondo parziale).

Ancora una volta la Bondi viene surclassata dal punto di vista dell’energia messa in campo dagli avversari, e se anche Swann stecca (1/8 al tiro) allora non c’è proprio partita.

Inizialmente infatti Ferrara approccia bene la partita andando anche avanti 12-4 grazie alle triple di Calò, Panni e Molinaro. Treviso ci mette un po’ a carburare e trova i suoi canestri grazie al talento di Burnett e all’esperienza di Antonutti (12 pari al 7’).

L’esordio di Ganeto e Campbell che inizialmente non erano partiti in quintetto titolare portano linfa nuova. Treviso rinuncia a Imbrò per due falli già commessi e gli animi si scaldano con un tecnico comminato alla panchina ospite. Sono il liberi di Lombardi e Uglietti a chiudere poi sul 19-17 il primo quarto.

Sono i secondi dieci minuti a decidere la partita perché Swann non riesce mai a prendere il ritmo e l’attacco estense stagna. Ma non è questo il lato peggiore perché la Bondi è terribilmente passiva anche in fase difensiva permettendo a tutti i giocatori trevigiani di fare il bello ed il cattivo tempo. Il 14-34 di parziale infatti è esaustivo nel descrivere una debàcle che lascia tutti i numerosi spettatori del palasport allibiti. Perché sì, Treviso è squadra da altissima classifica dalla quale si può anche perdere ma non senza almeno combattere.

Non c’è accenno di reazione neanche nel terzo ed ultimo quarto dove l’inerzia della partita non dà mai l’accenno di poter cambiare. Treviso fa le cose giuste al momento giusto dominando sotto canestro e segnando quando basta dall’arco con Alviti ed Imbrò. L’encefalogramma estense rimane inesorabilmente piatto anche nel secondo tempo, del quale c’è davvero poco da commentare.

Treviso passa dunque per 72-98 costringendo i biancoazzurri a giacere nella zona pericolosissima della classifica assieme a Jesi e Cento. E proprio contro la Benedetto nella prossima settimana ci sarà un derby vietato ai deboli di cuore, che segnerà la stagione in un verso o nell’altro.

Bondi Ferrara – De’ Longhi Treviso 72-98 (19-17, 14-34, 16-22, 23-25)

Bondi Ferrara: Folarin Campbell 22 (7/10, 1/6), Gabriele Ganeto 14 (1/2, 2/3), Tommaso Fantoni 11 (3/6, 0/0), Alessandro Panni 6 (0/1, 2/6), Ruben Calò 6 (1/2, 1/2), Isaiah Swann 5 (1/4, 0/4), Lorenzo Molinaro 3 (0/0, 1/2), Davide Liberati 3 (0/0, 1/1), Andrea Mazzoleni 2 (1/1, 0/1), Lorenzo De zardo 0 (0/0, 0/0), Alessandro Mazzotti 0 (0/0, 0/0), Simone Conti 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 30 – Rimbalzi: 22 6 + 16 (Alessandro Panni 5) – Assist: 12 (Tommaso Fantoni 4).

De’ Longhi Treviso: Matteo Chillo 24 (6/7, 1/2), Davide Alviti 13 (1/1, 3/7), Dominez Burnett 12 (5/8, 0/4), Lorenzo Uglietti 12 (4/6, 1/3), Matteo Imbrò 10 (0/2, 3/5), Amedeo Tessitori 10 (2/5, 0/0), Michele Antonutti 9 (3/4, 0/3), Alvise Sarto 6 (0/0, 2/2), Eric Lombardi 2 (1/1, 0/0), Andrea Epifani 0 (0/0, 0/0), Manuel Saladini 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 24 / 30 – Rimbalzi: 32 11 + 21 (Davide Alviti, Lorenzo Uglietti 6) – Assist: 20 (Dominez Burnett, Matteo Imbrò 6)

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi