Gio 3 Gen 2019 - 2804 visite
Stampa

Colpita da un razzo durante lo spettacolo della Vigilia: “Ho rischiato di perdere un occhio”

L'incidente dai Trepponti, la giovane Elisa Farinelli ha riportato danni alla retina e sarà operata a Bergamo: "Ho sporto querela". Per l'Epifania si valutano alternative ai classici botti

di Giuseppe Malatesta

Comacchio. C’è anche una giovane comacchiese tra gli oltre duecento feriti dai botti che hanno accompagnato queste festività, gran parte dei quali colpiti nella notte di Capodanno. Non è il caso di Elisa Farinelli, 37enne di Comacchio che invece è stata raggiunta da un razzo sparato durante lo spettacolo piromusicale del 24 dicembre, in piazzetta Trepponti.

Solo pochi giorni fa, la lamentela di Martina Mezzogori aveva puntato i riflettori sullo stesso spettacolo della Vigilia, raccontando di una “tragedia sfiorata” nel cortile privato adiacente ai Trepponti, dove un telo, raggiunto da scintille e lapilli, aveva preso fuoco.

Più compromettente è purtroppo la situazione di Elisa: colpita in pieno viso da un razzo, è stata soccorsa immediatamente e trasportata al vicino ospedale del Delta. Due giorni dopo i medici del pronto soccorso oculistico di Cona le hanno confermato la temuta diagnosi di un trauma alla retina. In queste ore, a Bergamo, Elisa si sottoporrà all’intervento di altri specialisti, mentre è ancora scossa e sotto shock per l’accaduto.

Al momento dell’incidente, racconta Elisa, “ero nell’arena di Palazzo Bellini, in corrispondenza del cancello di accesso ai Trepponti (la distanza dall’area di sparo, in questo caso, è quantificabile in circa 40 metri, ndr). Assistevo mia figlia nei vari cambi di costume previsti per lo spettacolo di danza. Il petardo che mi ha colpita era uno di quelli sparati dalla piazzetta, dunque uno di quelli regolarmente autorizzati”.

Comprensibilmente provata, Elisa affronterà ora le cure necessarie a ristabilire il trauma oculare, sperando nel frattempo che “in occasione di questi spettacoli meravigliosi ma altrettanto pericolosi vengano effettuati più controlli possibili, onde evitare queste spiacevoli situazioni. Ho sporto querela nei confronti degli organizzatori – informa la ragazza -, un conseguenza inevitabile: mi spiace ma ho rischiato l’esplosione dell’occhio”.

Intanto il programma delle festività comacchiesi ha in serbo, in occasione dell’Epifania, un nuovo spettacolo piromusicale, con lo spettacolare rogo della ‘vecchia’ accompagnato dai fuochi pirotecnici. Date le circostanze, gli organizzatori dell’associazione Marasue e l’amministrazione comunale valuteranno nelle prossime ore eventuali modifiche al programma della serata, anche in segno di vicinanza alla giovane ferita.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi