Lun 17 Dic 2018 - 6240 visite
Stampa

Tagliani contro Sgarbi: “Sei un vigliacco!”

Il sindaco replica alle accuse del candidato su Palazzo dei Diamanti e sulla Pacelli

“Purtroppo non sarà Sgarbi il candidato della destra locale, se così fosse, come è successo in passato, potrei andare finalmente in ferie”. Inizia così la replica del sindaco Tiziano Tagliani alle accuse lanciate da Vittorio Sgarbi durante la presentazione del suo libro all’Ibs-Libraccio.

Il critico d’arte aveva contestato l’ampliamento di Palazzo Diamanti e puntato ik dito contro la sua direttrice Maria Luisa Pacelli, promettendo di licenziarla una volta al governo della città.

Accuse alle quali Tagliani risponde con sarcasmo, ricordando come Sgarbi abbia “già fatto del resto l’amministratore in mezza Italia senza mai terminare un incarico, troppa fatica, troppe responsabilità  e poco compenso, io invece sono qua da dieci anni ed in questo tempo ‘loffio’ ho concluso decine di opere, reperito risorse, appaltato lavori per quasi mezzo miliardo di euro compresa quella San Paolo, tra poco in appalto, per la quale il Nostro ha promesso invano e diverse volte ingenti risorse che solo Franceschini ha poi portato”.

Quanto al progetto dei Diamanti “so bene che a Vittorio non interessa un bel nulla per avermelo detto lui stesso, ma qualcuno gli ha chiesto di farne un tema della campagna elettorale e lui da uomo ‘mediatico’ cavalca quella che è una grande bufala”.

Il sindaco in carica spiega che “nessuno vuol certo ‘completare’ il palazzo rinascimentale ma sostituire il corridoio esterno, fatto di legno e stoffa esposto a vento e pioggia, con un percorso in vetro assolutamente rimovibile e che non tocca neppure il palazzo. Come sa chi conosce il progetto quella del “completamento” è una balla colossale e per questo metteremo in esposizione il progetto ed i bozzetti, già esposti lo scorso anno, anche nel palazzo comunale”.

Del resto “la Galleria dei Diamanti nota in tutto il mondo è l’unica nella quale ci si rimette cappello e giacca a vento a metà percorso. Tanto varrebbe allora chiudere bottega, andare per mostre a Bologna, Forlì o Padova assai meglio attrezzate e con generose fondazioni bancarie, destinando il nostro palazzo agli arredi e suppellettili di casa Sgarbi: sono certo che dal Maine verranno migliaia di persone a vederli”.

C’è spazio anche per una replica sull’ultima mostra: “Courbet sarà ‘provinciale’ ma ha fatto in 60 giorni più di 50.000 visitatori (1736 nell’ultimo fine settimana, ndr) e da ogni parte, beneficiando l’economia della città che – se fosse solo un po’ meno obbligata al ‘servio encomio’ verso l’illustre concittadino – dovrebbe ergersi a paladina di questa operazione: una delle poche realtà di Ferrara note nel mondo intero, tanto è vero che non c’è stata mostra nella quale Vittorio non abbia chiesto di poter accompagnare amici d’ogni sorta a vedere fuori orario le opere, del resto il suo plauso incondizionato alla nostra mostra su De Chirico è la miglior dimostrazione che le uscite odierne sono genuine come l’oro del Giappone”.

Infine la difesa della Pacelli: “Io accetto tutto o quasi nella polemica politica: una cosa solo giudico inaccettabile, l’attacco personale a chi non fa politica, ma solo bene il suo lavoro guadagnando al mese quello che Vittorio spende dal parrucchiere e che certo non ha i mezzi per replicargli”.

Per Tagliani “attaccare Maria Luisa Pacelli che i direttori dei musei di tutto il mondo trattano con rispetto ed ammirazione per la sua professionalità, tanto che più d’uno, per questa ragione mi ha chiesto di poter collaborare con Ferrara Arte, è un gesto vile che non gli perdono, caro Vittorio sei un vigliacco!”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi