Mar 23 Ott 2018 - 962 visite
Stampa

Cittadinanza onoraria a Mimmo Lucano, Mdp: “Non possiamo arrenderci”

Articolo 1 appoggia la proposta del Gruppo Anti Discriminazioni: "Il modello Riace funziona, le destre non possono distruggerlo"

Anche Articolo 1-Mdp di Ferrara, assieme alle altre organizzazioni che fanno parte della Rete per la Pace, aderisce senza esitazione alle proposte di gemellaggio con Riace e conferimento della cittadinanza onoraria a Mimmo Lucano, avanzata nei giorni scorsi dal gruppo Gad – Gruppo Anti Discriminazioni in una lettera inviata a sindaco, giunta e consiglio comunale estensi.

“‘Nessuno ha mai intascato un centesimo’, si legge in un passaggio del provvedimento del Gip nell’inchiesta che ha portato all’arresto di Mimmo Lucano, sindaco di Riace. Partiamo da qui – scrive il coordinamento provinciale – perché è fondamentale sul piano etico, morale e politico”.

“Mimmo Lucano non è accusato di aver compiuto reati grazie ai quali si sarebbe arricchito, anzi. Viene ribadito il contrario. Perché allora il furibondo attacco politico e mediatico da parte delle destre del nostro paese?” si domanda Articolo 1-Mdp che si dà una risposta “semplice: per il fatto che il modello Riace funziona, quindi deve essere distrutto, in quanto la sua esistenza mina la loro sopravvivenza politica”.

“Mimmo non si è arricchito sulla pelle dei migranti. È profondamente scorretto parlare “business criminale” nei suoi confronti. Il “modello Riace” è esattamente il contrario, per questo Lucano è finito nella lista delle 40 persone più influenti al mondo nel 2016 secondo Fortune e terzo in quella dei migliori sindaci del mondo nel 2010 – ricorda il coordinamento provinciale -. Perché ha dimostrato che non solo l’immigrazione poteva essere gestita, ma che poteva essere un’opportunità per il suo piccolo paese che stava morendo, per la sua ripresa economica e per i cittadini che ancora lo abitavano. Né hotel, né capannoni, ma vecchie case abbandonate destinate ai migranti, l’utilizzo dei fondi per l’accoglienza per fare formazione, creare competenze, occupazione, per utilizzare le capacità dei nuovi arrivati e creare un piccolo modello economico in cui italiani e stranieri beneficiavano gli uni dagli altri. Per questo ha vinto le elezioni per ben tre volte di fila”.

“Questo è Riace. Per questo vogliono affossarlo. Perché, come dice Lucano “se è possibile a Riace, è possibile ovunque” e “c’è il timore che questo messaggio possa arrivare ovunque, anche in tutta Europa. Nell’Europa dei muri e dei respingimenti”. Per questo Riace e Mimmo Lucano vanno difesi, non solo perché abbiamo il dovere di difendere l’umanità – chiosano i coordinatori di Articolo 1-Mdp -. Ma perché non possiamo arrenderci a questa scientifica opera di propaganda e di manipolazione collettiva”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi