Lun 27 Ago 2018 - 626 visite
Stampa

L’erba medica ferrarese alla conquista della Cina

La provincia estense sarà uno dei principali territori al centro dell'accordo tra governo italiano e dogane cinesi

Ferrara tra i centri italiani per l’esportazione di erba medica in Cina. È una delle conseguenze dell’accordo stretto lo scorso 25 luglio tra il ministero delle Politiche Agricole e le dogane cinesi, che conclude un lungo percorso di trattative iniziato nel 2013 dal Servizio fitosanitario nazionale. E dieci aziende emiliano-romagnole, tre delle quali dal territorio estense, sono pronte ad esportare il loro prodotto disidratato per gli allevamenti di mucche da latte dell’industria casearia cinese.

Nel ringraziare per il risultato raggiunto l’ambasciatore d’Italia a Pechino Ettore Sequi,che ha firmato l’accordo per conto del Governo italiano, l’assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli ha sottolineato come “questo impegno consentirà alle nostre aziende di accedere a un mercato in costante crescita che presenta molte opportunità. È stato uno dei temi affrontati con l’ambasciatore Sequi e il suo staff tecnico nel corso della missione in Cina della Regione a fine 2017, visto l’interesse manifestato da molte aziende emiliano-romagnole”.

L’autorizzazione all’esportazione di medica disidratata in balloni e in pellet è stata concessa dall’amministrazione generale delle Dogane della Repubblica Cinese a 21 centri di lavorazione italiani certificati per l’esportazione, di cui ben dieci in Emilia-Romagna. Si tratta di due aziende in provincia di Bologna, tre nel ferrarese, due rispettivamente nelle province di Ravenna e Rimini e una nel folivese. Complessivamente potranno esportare oltre 300 mila quintali su un totale di 900 mila come quota italiana. In Emilia-Romagna sono circa 250mila gli ettari coltivati a erba medica, pari a circa il 25% della Sau (superficie agricola utilizzabile)

Fondamentale per raggiungere l’intesa, è stata la visita in Italia di una delegazione cinese che nel settembre 2016 ha potuto vedere come, attraverso l’applicazione di specifici disciplinari di produzione, sia massima l’attenzione di produttori italiani nell’applicare tecniche di coltivazione a basso impatto ambientale e sistemi di lavorazione che tutelano il prodotto dalla contaminazione da organismi nocivi, vegetali transgenici e altri inquinanti vegetali e animali. Requisiti indispensabili per esportare nel paese asiatico.

Nei prossimi mesi, la Regione, attraverso il proprio Servizio fitosanitario, sarà direttamente coinvolta per garantire il rispetto dei requisiti fitosanitari richiesti dalla Cina ai centri di lavorazione autorizzati, che devono adottare una serie di procedure e precauzioni per evitare di introdurre sul territorio cinese organismi nocivi (insetti, funghi e batteri) pericolosi.  Per questo verrà svolta un’intensa attività di controllo a supporto di tali imprese e finalizzata all’emissione del certificato fitosanitario, senza il quale non sarà possibile esportare”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi