dom 15 Apr 2018 - 1286 visite
Stampa

Attacchi alla Siria, associazioni e partiti in piazza per ripudiare la guerra

Da piazza Municipale un messaggio di pace condiviso. "La Costituzione ce lo impone, si rispettino i trattati internazionali"

All’indomani dell’attacco armato perpetrato da Stati Uniti, Francia e Inghilterra ai danni della Siria – unilateralmente e senza l’assenso delle Nazioni Unite – associazioni, partiti e circoli ferraresi scendono in piazza, mossi dagli ideali di pace e solidarietà, “per chiedere in primo luogo il rispetto dell’articolo 11 della nostra Costituzione, che ci impone, come cittadini e cittadine e come Paese, di ripudiare la guerra”.

“Ancora una volta – scrivono a riguardo il gruppo estense di Potere al Popolo – il pretesto è la presenza e l’utilizzo delle armi chimiche. Le armi convenzionali non uccidono meno delle armi chimiche. La guerra non ferma la guerra. È la storia ad insegnarcelo. Chiediamo al ‘Popolo della Pace’ di riunirsi insieme a noi domenica 15 aprile alle ore 16 in piazza Municipale per un messaggio comune di pace e di ripudio alla guerra.

“L’Italia – aggiungono – non solo non dovrà partecipare come parte attiva a questo attacco, ma non dovrà neppure concedere le basi logistiche per le operazioni militari. Chiediamo inoltre il rispetto dei trattati internazionali, la guerra, con qualsiasi finalità, è uno strumento che porta morte e distruzione e per questo deve essere abolita”.

Alla manifestazione di pace aderiranno in città, oltre a Potere al Popolo, Anpi, Emergency, Arcigay, Arcilesbica, UdS, Link, Fiom, Usb, Comitato del No al Referendum Costituzionale, Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana e LeU.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi