dom 15 Apr 2018 - 1463 visite
Stampa

#ciaone Festa della Liberazione

Sono antifascista, ho la tessera A.N.P.I sono pentastellato e sono iscritto alla FIOM dal Gennaio del 1994.

“Non rinnego la mia vecchia strada, l’utopia è rimasta la gente è cambiata la risposta ora è più complicata”.

Potrò festeggiare il 25 Aprile e il 1 MaggioPotrò organizzare di nuovo la festa popolare che si tiene alla Tratta di Copparo con concerti, cibo e iniziative per ricordare la resistenza? Potrò di nuovo festeggiare la festa dei lavoratori con operai e impiegati della FIOM- CGIL?

Nel mio cuore sicuramente. La festa del 25 Aprile: “Raccontare il passato per capire il presente”, così l’avevamo chiamata.

Ragioniamo sul presente: dopo il voto del 4 marzo c’è stato un chiaro sintomo di voglia di cambiamento, gli Italiani hanno votato. Hanno votato in questo modo perché cercano risposte concrete dalla politica, il verdetto è questo: vincono m5s e lega.

Possiamo discutere all’infinito ma questo è quanto. Ora, io sono sempre stato di sinistra, ma se la sinistra è quella che c’era prima delle elezioni del 4 Marzo sono ben contento di essere del movimento. Come me milioni di elettori.

Solo in questo modo si può capire il presente, senza retorica e revisionismi strani. Il 25 Aprile é la festa della Liberazione. Liberazione da cosa? diranno alcuni scettici che vogliono mettere in discussione fatti storici consolidati. Liberazione da una dittatura che durava ormai 20 anni. Liberazione dal fatto che le donne non potevano votare. Liberazione dal fascismo, dalle squadre della morte che andavano in giro a picchiare chi non era d’accordo con loro. Liberazione dal non essere liberi di pensare ad un altra vita possibile, liberamente.

Che fatica quest’anno organizzare tale evento, fatica perché è difficile far capire che il m5s non è un partito fascista e che anzi è il contrario; non a caso la maggior parte degli elettori dei cinquestelle sono muratori e operai come me. La festa del 25 Aprile alla tratta è il mio terzo figlio (ne ho due veri, Antonio e Teresa).

Ricordo come è nata, mi è venuta in mente assistendo a quella di Casa Cervi, luogo di nascita dei 7 fratelli Cervi uccisi dai fascisti.

Era il 2009 quando per la prima volta andai a Gattatico di Reggio Emilia, rimasi folgorato dalla giornata trascorsa: BandabardòMoni Ovadia, un’atmosfera straordinaria; ricordo che avevo il bambino piccolo, però a quella gente l’avrei lasciato senza alcun problema, perché era la mia gente.

L’anno successivo per cause di forza maggiori non andai, i miei figli avevano entrambi la varicella, così rimasi a Copparo. Partecipai  a tutta  la mattinata istituzionale, bella e condivisa, ma poi? Come far conoscere ai giovani e alle famiglie la portentosa storia resistente dei partigiani e delle staffette?

La festa della Tratta era tutto questo. Anche se si poteva migliorare. Il 2018 verrà ricordato come l’anno in cui tale manifestazione non si è svolta, l’anno in cui questa bellissima festa popolare è andata a farsi benedire.

Sarò drastico ma qui si vuole ammazzare tutto. Io penso che qualcuno non voglia più vedere il nostro divertimento e allora si inventano che può essere pericolosa per l’ordine pubblico e quant’altro che non ho nemmeno voglia di elencare.

Ma io devo dire qualcosa, con tutto il rispetto questa non era la sagra dello gnocco fritto, non lo siamo mai stati, volevamo portare solamente un po’ di Antifascismo fuori dai canali istituzionali per far capire alle nuove generazioni che il 25 Aprile è stata una giornata di gioia e di speranza.

Niente da fare, vogliono che rimaniamo attaccati ai cellulari o alle tastiere o che andiamo all’iper alla Domenica pomeriggio a sfruttare lo sconto del 20%.

Vi ringrazio ma io non ci sto… per questo ritornerò dove dal punto di vista etico e politico continuano ad organizzarla a muso duro, tornerò dai 7 fratelli Cervi morti ammazzati dai  fascisti, tornerò a casa Cervi, andrò da Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio, Ettore e Papà Alcide, per festeggiare ancora una volta LA FESTA DELLA LIBERAZIONE!!!

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi