Gio 4 Gen 2018 - 3462 visite
Stampa

Anche Negri ‘contro’ il Papa su ‘Amoris Laetitia’

Il vescovo emerito di Ferrara contrario a concedere l'Eucaristia ai 'divorziati risposati'. Sottoscritto il documento dell'episcopato del Kazakistan che chiede una 'correzione'

Accesso all’Eucarista per i cosiddetti ‘divorziati risposati’? Anche il vescovo emerito di Ferrara-Comacchio, Luigi Negri, dice no e prende posizione ‘contro’ l’esortazione apostolica “Amoris Laetitia” di Papa Francesco, aderendo alla professione di verità sul matrimonio sacramentale di tre vescovi della Chiesa del Kazakistan assieme a un altro vescovo, monsignor Carlo Maria Viganò, nunzio apostolico negli Stati Uniti ed ex membro del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.

L’episcopato kazako aveva riaperto la polemica dottrinale sul punto dei ‘divorziati risposati’  con un documento nel quale, nella sostanza, si chiedeva una ‘correzione’ del testo del pontefice “Amoris Laetitia” nel controverso capitolo ottavo, che avrebbe dato adito a un’interpretazione estensiva dell’accesso ai sacramenti della Chiesa, e in particolare della comunione, anche per coloro che, dopo la rottura del matrimonio, hanno formato una nuova famiglia. Documento, quello dei kazaki, sottoscritto ora anche da Luigi Negri e Carlo Maria Viganò.

Viganò non ha ancora motivato la sua presa di posizione, mentre Negri ha spiegato la scelta di aderire al documento con la sua convinzione riguardo la necessità di riproporre la posizione tradizionale di fronte alla “grave confusione” che regnerebbe nella Chiesa in merito al tema del matrimonio. Come fanno notare i tre vescovi del Kazakistan nel documento sottoscritto da Negri, ammettere i ‘divorziati risposati’ alla Santa Comunione, che è la massima espressione dell’unità di Cristo-Sposo con la sua Chiesa, sarebbe come ammettere la possibilità del divorzio da parte della Chiesa cattolica e un mezzo di diffusione dello stesso.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi