Ven 6 Ott 2017 - 7848 visite
Stampa

Lorenzin e Martina battezzano l’allevamento del futuro

Dieci stalle innovative a Jolanda. Il ministro dell'Agricoltura: "Progetto che farà scuola". La collega alla Salute: "Basta stigmatizzare la carne"

di Giuseppe Malatesta

Jolanda. Fregiato del contributo dei ministri Maurizio Martina e Beatrice Lorenzin il convegno dedicato alla ‘Zootecnia 4.0’ promosso da Bonifiche Ferraresi con Assocarni e Coldiretti per presentare un nuovo centro zootecnico che spicca in sostenibilità e integrazione e si guadagna l’appellativo di “scommessa nazionale” come innovativo modello italiano di allevamento bovino. Una vera e propria rivoluzione per quella che vuole essere la ‘stalla del futuro’. 

Dieci stalle realizzate ex-novo con le più moderne tecnologie distribuite su 33 mila mq di superficie, ad ospitare fino a 9 mila capi da carne nutriti con razioni provenienti da 1700 ettari dedicati di proprietà di Bonifiche. “Qui otterremo carni di altissima qualità – ha illustrato l’ad della Sps Federico Vecchioni – portando avanti la nostra missione di valorizzare le eccellenze della filiera agro-alimentare italiana e di tutelare il territorio”.

“Un progetto che farà scuola – secondo il ministro Martina, collegato in videoconferenza -, coerente con il nostro impegno per riconfigurare una strategia nazionale che veda al centro proprio la zootecnia, settore che in questi anni abbiamo cercato di rafforzare e sostenere, con risorse dedicate. L’esperienza di Bonifiche è fondamentale, si propone come il laboratorio sperimentale più avanzato del Paese”.

“Tante le sfide aperte – continua Martina -, in primis l’organizzazione sempre migliore della filiera, obiettivo per il quale mettiamo in campo 260 milioni per progetti di contratti di filiera che potranno essere presentati dal 27 novembre prossimo”. E infine un input propositivo: “Mi piacerebbe lavorare insieme per sviluppare un intervento di massima informazione che renda chiara l’origine delle carni anche nei ristoranti”.

Un campo di battaglia normativo “che esula dalla mia competenza” dirà Lorenzin a riguardo, soffermandosi piuttosto sul contrasto a mode e tendenze che stigmatizzano spesso la carne, mode “fuorvianti” per certi versi – secondo la ministra – simili a quelle dei no-vax.

“Purtroppo ci districhiamo costantemente in mezzo alle mode, grandi ondate che bisognerebbe combattere insegnando ai cittadini la consapevolezza, la capacità di scelta di fronte a notizie fuorvianti. Come ministro sono molto preoccupata per mode alimentari basate sulla disinformazione, che nel caso delle battaglie sui vaccini ad esempio, in cui quest’ultima è arrivata a livelli tali da far sì che una grandissima parte dei cittadini rinunciasse ad un elemento primario di profilassi mettendo a rischio la salute di intere comunità”.

Tra malnutrizione, povertà alimentare, diete prive di proteine o di carboidrati in base alla moda del momento, Lorenzin indica la via. “In mezzo ai radicalismi c’è l’equilibrio: la nostra dieta mediterranea, patrimonio dell’Unesco, con la sua piramide alimentare che vede in cima proprio la carne”. Un alimento, quest’ultimo, costantemente preso di mira da teorie che secondo i produttori dovrebbero essere contrastate con maggiore determinazione. “Rispondo sempre in modo molto netto su questo punto: non dobbiamo mai rinunciare all’evidenza scientifica, né lasciarci suggestionare. È necessario muoversi secondo criteri scientifici e portarli avanti”.

Macellazioni calate di oltre il 10% negli ultimi sette anni, 4 mila stalle bovine che hanno chiuso i battenti e un settore deficitario che costringe a importare il 40% della carne bovina dall’estero. I dati del Censis presentati dal responsabile Marco Baldi sono drammatici anche per il patrimonio bovino italiano, con un totale di capi che è pari a quello di 70 anni fa. “Eppure il notevole peso che il settore conserva nell’economia nazionale e la ‘voglia di carne italiana’ che suggeriscono le statistiche sono punti di forza che potrebbero invertire il trend”.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi