Dom 3 Lug 2016 - 867 visite
Stampa

Fantoni veste i panni di Fantozzi… in un musical

Lo spettacolo ideato dal comico ferrarese debutterà a ottobre 2017. "Sarà una sorpresa"

Paolo Villaggio e Gianni Fantoni

Paolo Villaggio e Gianni Fantoni

Fantozzi sta tornando… in un musical. Un mostro sacro della comicità italiana, come lo sventurato ragioniere creato da Paolo Villaggio, debutterà a teatro in una veste totalmente nuova ed inedita grazie all’ultima idea folle di Gianni Fantoni.

L’attore e comico ferrarese, fresco di musical, sta lavorando sul copione di questo originale spettacolo che debutterà a ottobre 2017 sotto la benedizione dello stesso Villaggio.

“Fisicamente è la mia copia, speriamo che non muoia così ho la certezza che può continuare la mia opera” scherza l’attore genovese, ormai 83enne, in una video-intervista pubblicata la scorsa settimana sulla pagina Facebook di Fantoni per annunciare l’inizio di questa memorabile avventura.

Il grande progetto, che farà ridere di gusto tutti gli affezionati delle disavventure fantozziane, si basa sui primi tre romanzi della saga dedicata al ragioniere più sfortunato e famoso d’Italia, di cui il comico estense ha acquistato i diritti.

Fantoni imita Fantozzi in tv

Fantoni imita Fantozzi in tv

Del cast, per il momento, si sa solo che Gianni Fantoni vestirà i panni di Ugo Fantozzi per raccontare gli episodi più classici (e divertenti) della saga, oltre a una storia inedita che farà da cornice all’intera vicenda. Non potranno mai mancare la moglie Pina con la scimmiesca figlia Mariangela, il collega Filini e la signorina Silvani.

“È da tutta la vita che imito Fantozzi: ho iniziato alla scuola media e da allora non ho più spesso, tanto da aver debuttato in televisione proprio con una sua interpretazione – ci racconta Fantoni –. Una mattina ho fatto cortocircuito e ho avuto una idea a cui nessuno aveva mai pensato prima di me: trasfigurare la sua storia in un musical. Il progetto è ancora in alto mare ma sono sicuro che sarà una sorpresa per tutti”.

Una sfida, certo, ma anche una responsabilità. Come si sta preparando a ridare voce a uno dei personaggi comici più amati del nostro Paese? “Non mi rendo ancora bene conto in cosa mi sono imbarcato ma voglio continuare l’opera del mio mentore che ha creato l’unica maschera comica italiana degli ultimi 40 anni”.

Una storia tragicomica sempre attuale e popolare. “Il messaggio è contemporaneo e universale perché parla di uno sfigato che resiste come gli scarafaggi, che in caso di guerra nucleare sarebbero gli unici a sopravvivere. Fantozzi è un perdente in partenza e quindi non ha più nulla da perdere, per questo ha sempre la sua riscossa nonostante sia al centro delle più disparate disgrazie”.

Una figura in cui possono riconoscersi “tutte le persone che non trovano lavoro, i precari, gli addetti ai call center”, anche se Fantozzi “aveva un posto fisso e non viveva nel terrore di essere licenziato ogni giorno”. Una vita che, almeno a teatro, sarà una fabbrica di risate.

GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi