Lun 27 Giu 2016 - 950 visite
Stampa

Avantaggiato a Dolcetti: “Insinuazioni passibili di denuncia per diffamazione”

La replica dopo l'annuncio del ricorso sui soldi al comitato del forzista che appoggiava il sindaco Pd

Luciano Avantaggiato

Luciano Avantaggiato

di Giuseppe Malatesta

Codigoro. Giunge decisa la replica di Luciano Avantaggiato alle dichiarazioni di Claudio Dolcetti, consigliere comunale ex candidato sindaco per il Movimento 5 Stelle che aveva portato all’attenzione della cronaca la donazione di 5000 euro elargita dal Comune di Codigoro al Comitato per la Medicina Palliativa e la terapia del dolore’. Avantaggiato, presidente del comitato, aveva nei giorni a ridosso della donazione stessa presentato le dimissioni dal club locale di Forza Italia e dichiarato insieme a una ventina di altri ex forzisti l’appoggio alla candidata sindaco Alice Zanardi, uscita poi vittoriosa dalla tornata elettorale grazie a uno scarto risicato proprio contro Dolcetti.

L’insinuazione dei 5 Stelle, più o meno velata, suggeriva una correlazione tra i due fatti. Avantaggiato non ci sta e passa al contrattacco: “Siamo messi male se questo è l’inizio dell’opposizione pentastellata, che avevano preannunciato come costruttiva. Sono ferito e addolorato per questa strumentalizzazione che ha del grottesco” dice, ricordando “i nobili intenti dell’associazione che si occupa di sostegno ai malati terminali”.

“Dovrebbe far piacere a tutti l’impegno di migliorare le condizioni dell’hospice codigorese: è questo che farà il comitato con quella somma. Un’insinuazione simile non la accetto, anche perché la politica deve stare fuori dalle cose veramente elette”. E aggiunge: “Che correlazione dovrebbe mai esserci? Dolcetti è passibile di denuncia per diffamazione”.

Secondo Avantaggiato, “il contributo in realtà poteva (in base ad accordi verbali) essere elargito anche sei mesi fa, ma i tempi si sono dilatati anche per raggiungere la stessa cifra che avevano donato gli altri due sostenitori del progetto ‘Un giardino per l’hospice’, ossia il comitato stesso e il Lions Club Codigoro. La decisione del quantum – spiega – aveva un ‘carattere di ritardo’, rispetto alle intenzioni manifestate dai tre enti da quasi un anno a questa parte e non c’è quindi correlazione coi tempi del fine mandato dell’ex sindaco Cinti Luciani”.

Sull’impiego della somma in questione, Avantaggiato fa notare che “non sono state ancora sostenute delle spese, in quanto il progetto di riferimento è nella fase dei computi metrici a carico dello studio tecnico Barillani di Codigoro, e inoltre i contributi elencati, a parte quelli già stanziati dal comitato, sono stati deliberati ma ancora in via di accredito. Tutte le spese – assicura – saranno elencate e per fugare ogni dubbio”.

Lo stesso diritto di replica, concesso al sindaco Zanardi, non ha trovato per il momento riscontro.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi