Lun 13 Giu 2016 - 995 visite
Stampa

Un libro contro il degrado della Gad

I residenti scrivono un racconto giallo. Di Bartolomeo: “Ferrara è tutta bella. E la bellezza va custodita e tutelata”

13442247_10209786476729608_8003644417575244828_nUn libro contro il degrado. Un libro scritto dai residenti del quartiere Gad come mezzo per abitare il quartiere. È successo nella piazza di Ferrara che di questi tempi è finita più volte sui giornali, piazzetta Toti, quella della famosa altalena.

È andata in scena venerdì scorso la seconda delle quattro serate su temi culturali e filosofici previste dal programma “Gad en plein air”, organizzato dall’Università Popolare di Ferrara. Dopo il primo appuntamento, tenuto da Tommaso Mantovani, venerdì è stato il turno di Antonio Di Bartolomeo, scrittore esperto di scrittura creativa. Il coordinatore è egli stesso un residente della Gad, Stefano Di Stefano.

“L’idea – spiega a estense.com Di Bartolomeo – è quella di riscattare l’immagine del quartiere, ripopolandolo con attività culturali. A me è stato chiesto di tenere in piazzetta Toti una “lezione” di scrittura creativa e di aiutare Di Stefano, attraverso la mia associazione Pluralcosmos, nell’organizzazione delle quattro serate previste”. E alla sua “lezione” ha partecipato una quarantina di persone, “tutti residenti del quartiere”. A loro Di Bartolomeo ha fatto scrivere passo dopo passo un racconto giallo, guidandoli frase dopo frase e spiegando come svolgere la trama creando la suspense.

“È una tecnica di composizione collettiva di un racconto – spiega -; la gente si è molto divertita nello scrivere un racconto giallo, mentre alcune facce strane, e sinceramente fuori luogo, transitavano sbigottite. Abbiamo dato loro penne e un blocchetto notes. Devo dire che 3 o 4 persone hanno scritto qualcosa di molto bello. Alla fine ho chiesto loro di trascrivere via mail i testi. Non appena mi invieranno i testi, li pubblicherò su www.pensieroplurale.it”.

Vedremo se il raccnto giallo riuscirà ad esorcizzare paure e timori di parte dei residenti del quartiere più problematico del momento. Su questo Di Bartolomeo non ha dubbi: “Ferrara è tutta bella. E la bellezza va custodita e tutelata in tutte le sue parti. Senza aver paura di opporre cultura a degrado. Così la penso io. Per questo ho aderito”.

I prossimi appuntamenti saranno il 16 e 17 giugno, a cura di Alberto Salis e Cinzia Romagnoli.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi