Lun 19 Ott 2015 - 731 visite
Stampa

La maratona Fai lungo corso Ercole I

Per tutta la giornata di domenica appassionati e curiosi hanno potuto visitare Palazzina degli Angeli e il portale di Parco Massari

P1130164di Anja Rossi

Quest’anno, alla ricerca di luoghi nuovi e poco conosciuti ai più, il Fondo ambiente italiano ha pensato di scovare due palazzi posti a qualche passo di distanza, nella lunga via ferrarese che è Corso Ercole I d’Este. La Faiarathon d’autunno, per tutta la giornata di domenica 18 ottobre, ha fatto entrare in contatto appassionati e curiosi con il giardino della palazzina degli Angeli e fatto scoprire la storia del portale della coffee house di parco Massari, grazie al lavoro degli studenti dell’It Bachelet di Ferrara che hanno accompagnato i ferraresi accorsi.

La palazzina degli Angeli, posta al numero civico 51, sorge sulle rovine dell’antica chiesa consacrata a santa Maria degli Angeli. Voluta da Nicolò III d’Este nel 1437, davanti all’antico altare maggiore la dinastia estense decise di sistemare il loro pantheon, dove furono sepolti tutti tranne Borso d’Este, la cui tomba fu posta in Certosa, e Lucrezia Borgia.

P1130183Col tempo, diverse devastazioni danneggiarono totalmente l’intero complesso. Il declino inizio già nel ‘500, nel ‘700 la chiesa venne convertita in magazzino agricolo e nell’Ottocento subì un incendio. Agli inizi del XX secolo, durante alcuni scavi promossi dall’ingegnere Adamo Boari grazie alle informazioni date dallo storico Guarini, furono ritrovate le antiche tombe degli Estensi, che vennero trasferite successivamente nel convento del Corpus Domini di Ferrara. Proprio le lapidi, lasciate nel giardino in ricordo della loro iniziale posizione, evidenziano una caratteristica poco nota della casa d’Este. Come spiega una delle studentesse dell’Istituto Bachelet ai presenti, “è ben visibile l’umiltà che emerge da queste tombe, che non avevano apposto nessun tipo di incisione. Anche la sepoltura degli Estensi avveniva con il corpo completamente nudo, senza nessun tipo di ricchezza negli abiti o negli accessori, proprio per essere il più possibile spogli nell’affrontare il giudizio divino”.

La seconda tappa del percorso della Faimarathon vede invece protagonista il portale del palazzo di Corso Escole I d’Este 42, dove è esistita l’antica coffee house del parco Massari. La costruzione risulta essere la sopravvivenza più significativa di uno dei sette ingressi che davano accesso al parco dei marchesi Bevilacqua. Della struttura, tipicamente in stile neoclassico, spicca nella via per l’insolito prospetto caratterizzato da un pronao tetrastilo che ricorda un tempio antico. La sua costruzione risale al 1780 ed è opera dell’architetto e pittore ferrarese Luigi Bertelli. Pochissimo si sa di questo luogo, ora proprietà privata, in cui nobili e aristocratici del tempo si trovavano a discutere e a bere una tazza di caffè nei pomeriggi ferraresi. Non sono infatti ancora state scoperte foto o documentazioni che diano una fisica testimonianza della coffee house e delle vite che la resero attiva.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi