Lun 13 Lug 2015 - 657 visite
Stampa

Unife scopre il ‘dentista’ più antico della storia

Sarebbe vissuto 14mila anni fa e avrebbe usato una minuscola pietra fissata a un bastoncino per curare una carie

La sepoltura del Paleolitico Superiore finale del Riparo Villabruna (foto: A. Broglio)

La sepoltura del Paleolitico Superiore finale del Riparo Villabruna (foto: A. Broglio)

Il “dentista” più antico della storia sarebbe vissuto 14mila anni fa, nel tardo Paleolitico. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori coordinato dalle università di Ferrara e Bologna.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista open access Scientific Reports (del gruppo Nature) e si basa sulle analisi di un molare della mandibola inferiore scoperto nel 1988 nel riparto di Villabruna, nella Dolomiti venete. Le ultime analisi effettuate avrebbero permesso di accertare che del tessuto colpito dalla carie sarebbe stato rimosso con l’aiuto di un bastoncino di legno – utilizzato solitamente come uno stuzzicadenti – al quale era stata aggiunta una piccolissima punta di pietra. Una tecnica primitiva, e  già nota ai ricercatori, ma che le evidenze mostrano essere stata conosciuta e usata prima di quanto si pensasse fino a oggi.

Le più antiche cure dentistiche scoperte fino ad oggi risalivano al periodo compreso fra 9mila e 7mila anni fa: adesso, riferisce all’Ansa Stefano Benazzi, coordinatore del gruppo di ricerca dell’Università di Bologna ”quello che i risultati mostrano è che il dente del Villabruna rappresenta la più antica evidenza di intervento manuale su una condizione patologica”. La scoperta di Villabruna, prosegue Benazzi “retrodata qualsiasi caso di intervento dentale e di chirurgia craniale attualmente noto” e ”suggerisce inoltre che nel Paleolitico Superiore finale l’uomo era consapevole degli effetti deleteri delle infezioni cariose e della necessità di intervenire, tramite l’ausilio di strumenti microlitici, sul tessuto malato per rimuoverlo e/o pulirlo in profondità”.

La scoperta, suggerisce ancora in una dichiarazione all’Ansa Marco Peresani, dell’università di Ferrara, ”mostra come gli albori della medicina dentale sfrutti abilità, competenze creative e tecnologiche presenti ben prima del Neolitico”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa