Dom 7 Set 2014 - 2441 visite
Stampa

Dalle paure alla realtà: Bondeno dice addio al pastificio

Finbieticola mette la parola fine sul progetto

bondeno ex zuccherificioBondeno. Le paure si sono trasformate in realtà: il progetto di riconversione dell’ex zuccherificio in un nuovo, scintillante, pastificio che avrebbe portato lavoro a Bondeno è destinato a rimanere solo un cumulo di carta e illusioni.

La notizia è stata data da Finbieticola durante l’incontro di ieri mattina a Roma presso la sedei della Union Zucchero. Le paure, i timori e i sospetti di questi anni sulla fattibilità del progetto e sulla reale volontà di portarlo a termine da parte dei (tanti) soggetti coinvolti in questi anni si sono rivelati fondati.

Al tavolo capitolino c’erano sia i nuovi vertici di Finbieticola – Roberto Montese e Giovanna Letizia – sia i sindacati territoriali (Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil, oltre a un delegato delle Rsu), scesi nella capitale per capire quale sarà il futuro degli undici dipendenti dell’ex zuccherificio di Bondeno, per i quali a giugno erano scaduti gli ammortizzatori sociali. Rispondendo alle domande dei sindacati, i vertici Finbieticola hanno risposto con parole che Bondeno temava da tempo di udire prima o poi: il progetto Thomas Food (l’ultima società inseritasi in questa grottesca vicenda), presentato in pompa magna in un’assemblea pubblica con tanto di attacchi a chi mostrava ancora riserve (in particolare a Giovanni Nardini del Pd) e promesse di 400 nuove assunzioni e avvio della produzione a giugno 2016 non si farà. Ora sarà la stessa Finbieticola a dover presentare un altro progetto di riconversione per i 30 ettari destinati ad ospitare impianti industriali e i 6 pronti per l’edilizia residenziale.

I segnali negativi non sono mai mancati, a partire dalla girandola di soggetti più o meno legati a Enumplan (la società di progettazione che avrebbe dovuto realizzare il progetto del pastificio) e poi ritiratisi dalle trattative per un motivo o per l’altro, toccando i contratti mai firmati per il passaggio di proprietà del terreno, per finire con i precedenti e fallimentari tentativi di costruire pastifici sia in Regione che all’estero, finiti tutti con un nulla di fatto e l’amaro in bocca. A poco è servito lo sforzo delle istituzioni territoriali di agevolare in ogni modo le trattative.

Come se non bastasse rimane ancora in bilico il destino dei dipendenti dell’ex zuccherificio. Stamattina è prevista un’assemblea e l’11 settembre è già in programma un nuovo incontro a Roma per definire la loro situazione. Per ora le parti hanno raggiunto un accordo per la copertura delle mensilità di luglio e agosto con Finbieticola che si accollerà i pagamenti, e si parlerà del destino delle maestranze, per le quali ci si aspettava il riassorbimento nell’ormai fantomatico pastificio.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa