mar 29 Apr 2014 - 950 visite
Stampa

Marescotti sta con Tsipras e con Vassalli

L’attore ed eurocandidato nella città matildica per sostenere il candidato sindaco di 'Sinistra per il Lavoro a Bondeno'

marescotti tsiprasdi Marcello Celeghini

Bondeno. “Non bisogna uscire dall’Europa, bensì riformarla profondamente dal suo interno”. È questo lo slogan con cui l’attore Ivano Marescotti, candidato all’europarlamento per la lista L’altra Europa con Tsipras nella circoscrizione NordEst, è arrivato questa mattina in Piazza Garibaldi a Bondeno per dialogare con i tanti cittadini, che affollavano i banchi del mercato settimanale, e per sostenere la candidatura a sindaco della città matildica del giovanissimo Emanuele Vassalli per la lista Sinistra per il Lavoro a Bondeno.

L’apprezzato attore ravennate, che ha recitato in diversi film e fiction di grande successo, tiene subito a precisare “sono attore quasi per caso ma politico per scelta, così come dovrebbe essere per ogni persona non indifferente a ciò che ci accade intorno” e parla a 360 gradi di politica nazionale ed internazionale non risparmiando nessuno nella sua critica, da Renzi alla Merkel passando per Grillo. L’Europa che Marescotti immagina è “un’Europa che torni ad essere degli europei, non più succube della Germania e della politica finanziaria soffocante della Bce”. Proprio la Germania, secondo l’attore, blocca il processo di equità negli stati europei più in difficoltà. “Tsipras è l’unico leader politico che nel parlamento europeo potrà dire che è sbagliato l’atteggiamento della Merkel di accanirsi con questa veemenza sul debito di alcuni stati europei che sono, per questo motivo, in preda alla disoccupazione giovanile dilagante e costretti a schiacciare i diritti dei lavoratori e dei pensionati. È necessario ridiscutere i debiti di questi paesi, tra i quali c’è l’Italia”.

Sul quadro politico italiano il candidato di Tsipras non ha dubbi: “Renzi è la croce che segna inequivocabilmente la parola fine su quel grande sogno della sinistra italiana che si chiamava Pd”. In pochi lo sanno, ma Ivano Marescotti fu nel 2007 proprio tra i fondatori del Partito Democratico. “Le premesse con cui si costruiva quel partito erano buone ma, fin da subito, si è capito l’andazzo e così neppure un anno dopo ho lasciato disgustato il Pd”.  Ma la colpa più grande del Pd è per l’attore “il patto scellerato tra Renzi e Berlusconi perché è vergognoso trattare con un delinquente condannato, il Pd con questo comportamento ha snaturato il concetto stesso di ‘sinistra’”. Marescotti confida molto nel risultato alle prossime elezioni europee. “Contiamo di andare all’europarlamento con un discreto gruppetto di deputati che possano far sentire la propria voce. Noi siamo l’unico partito europeo di sinistra, chi si riconosce nei veri valori di sinistra non può far altro che votare per noi. Chi a Bondeno sceglierà Tsipras- conclude Marescotti- dovrà anche scegliere come sindaco Emanuele Vassalli poiché rispecchia i nostri valori”.

La lista Sinistra per il Lavoro a Bondeno, che si ispira evidentemente a Tsipras, mira a conquistare la maggioranza alle prossime amministrative puntando su Lavoro, Cultura, Sanità e Politiche Ambientali “Ho accettato la candidatura- confida il giovane candidato sindaco Emanuele Vassalli (classe 1992)- per portare i giovani al centro della vita della città. La mia proposta è quella di considerare la cultura come strumento di ripresa economica ed occupazionale poiché un popolo senza arte e senza storia è un popolo arido e senza futuro. È necessario far crescere le nostre iniziative culturali, le tradizioni locali e le nostre bellezze turistiche anche a livello nazionale coinvolgendo in questo progetto proprio i giovani così da poter offrire loro la possibilità di un’occupazione in questo settore”. Ma cultura vuol dire anche ecologia. “Se eletti introdurremo immediatamente la raccolta dei rifiuti porta a porta su tutto il territorio comunale e programmeremo un piano ‘Rifiuti zero’ per incrementare sempre più il riciclo anche in collaborazione con gli altri comuni ferraresi. Altro punto centrale- spiega Vassalli- è la bonifica ambientale di tutte le zone degradate della nostra città, a partire dall’area nei pressi della stazione dove giacciono da decenni vecchi treni marcescenti”.

Altro tema caldo della lista Sinistra per il Lavoro a Bondeno è quello della sanità bondenese. “Noi, a differenza dei grandi progetti promessi per il futuro del Borselli dagli altri candidati sindaci, – sottolinea il ventunenne candidato sindaco-riteniamo ragionevole che Bondeno abbia le cose essenziali che però siano funzionali. In questo senso è necessario riaprire il pronto soccorso come ‘centro salvavita’ e garantire 24 ore su 24 un servizio efficiente di servizio ambulanza proporzionato alle dimensioni del nostro territorio”. Oltre al candidato sindaco Emanuele Vassalli, la lista è composta da tredici candidati consiglieri. Questi i loro nomi: Claudio Bergonzini, Roberto Celestini, Erica Ferrara, Antonio Martinozzi, Marino Moretti, Tania Polastri, Beatrice Bortolazzi, Manilia Corazzari, Aldo Lotti, Loredana Martinozzi, Daniele Nardini, Giuseppe Selmi e Vardis Tsintanis.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi