Mer 8 Ago 2012 - 660 visite
Stampa

Stellata: pro e contro della ricostruzione

Zero fondi per restaurare la Rocca, la scuola di Pilastri va abbattuta

Bondeno. Interventi nelle scuole – il plesso di Pilastri andrà abbattuto – e garanzie regionali sul mantenimento dei servizi sanitari. La Rocca ancora senza fondi per il restauro. Il sindaco Alan Fabbri a Stellata ha fatto il punto della situazione sul ripristino della normalità.

L’incontro tra giunta e cittadinanza serviva a spiegare l’evolversi della ricostruzione e le novità introdotte dal decreto del governo in merito al terremoto. Assieme al sindaco  erano presenti i tecnici municipali: Fabrizio Magnani, Maria Orlandini, Paola Mazza e Sabrina Cavallini.

Il sisma nel piccolo borgo ha fatto sentire i suoi effetti soprattutto nella lesione del prezioso patrimonio culturale: sono state danneggiate gravemente la Rocca Possente, la chiesa e le torri della frazione, le quali per molte settimane hanno tenuto lontano dalle proprie case numerose persone.

I cittadini delle tre frazioni – rappresentate tra il pubblico e dalla locale consulta – non sono stati esenti da danni, si pensi alle 151 schede Aedes, con 57 inagibilità a Stellata, oltre alle 144 verifiche Aedes e ai 78 edifici non agibili rilevati a Zerbinate.

Il primo cittadino ha parlato loro del “risultato ottenuto nel bondenese, che rispetto ad altre esperienze permetterà di realizzare effettivamente la ricostruzione: 6 miliardi di euro dal 1° gennaio 2013, oltre ad altri 2,5”, come assicurato dal presidente Vasco Errani.

È stato toccato anche il punto dell’ospedale, reso parzialmente inagibile nella parte che ospitava la lungodegenza e, per induzione, il primo intervento, la dialisi e la parte ambulatoriale. Fabbri a tal proposito ha avuto garanzie dall’assessore regionale alla sanità Carlo Lusenti e dallo stesso Vasco Errani, per la futura applicazione del piano sociosanitario provinciale: “una specifica commissione verrà a verificare i plessi ospedalieri ferraresi e delle zone di Modena e Reggio Emilia: abbiamo chiesto con un documento del consiglio il ripristino dei servizi che erano stati programmati in conferenza sociosanitaria, ma anche che questi servizi vengano mantenuti a prescindere dalla struttura muraria che ospiterà i servizi stessi”.

Ci sono vari interventi da realizzare anche nelle scuole – a Pilastri ci sarà l’abbattimento -, compresa Stellata, che pure è agibile, “ma è stato dato incarico ad ingegneri strutturisti per verificare l’entità degli interventi necessari. Alcuni interventi saranno finanziati da contributi che arriveranno, altri con soldi del Comune e con donazioni dei molti enti che hanno dato un loro aiuto”.

Scortichino non ha subito danni nelle scuole pur essendo la frazione più colpita. L’ex scuola media è agibile, ma alcuni interventi si sono resi necessari nelle palestre: per quella di competenza del Comune, in via Manzoni, si passerà dal consiglio comunale del 9 agosto, l’altra è di competenza della Provincia, ma non ci sono grandi criticità.

“Cercheremo di rispettare i termini di inizio dell’anno scolastico, anche se la data potrebbe essere prorogata se la tabella di marcia dei lavori, a fine agosto, non sarà in stato avanzato, come ci ha assicurato il presidente Errani. Sicuramente – ha continuato Fabbri – non verranno aperte strutture pubbliche che non sono dichiarate pienamente agibili, a seguito degli interventi fatti”.

Stellata è anche interessata da scuole paritarie, pure agibili: “le scuole di Stellata potrebbero essere agibili già da oggi – dice l’ingegner Maria Orlandini -. Hanno già ricevuto due sopralluoghi: gli interventi che si sono resi necessari e che sono finanziabili sono per il ripristino edilizio. Tutti i presidi sono sotto osservazione, anche per incrementare il livello di sicurezza”.

C’è l’impegno di ripristinare anche le paritarie – a Stellata sono presenti la materne parrocchiali-  per il ruolo importante che hanno per le comunità. Sul piano del patrimonio artistico, danneggiate quasi tutte le chiese del territorio, ma in questi giorni è partito il cantiere che dovrebbe mettere in sicurezza in campanile della chiesa di San Giovanni, “che tiene ancora fuori casa sette famiglie”.

Capitolo Rocca: “è un patrimonio dell’umanità, ma ad oggi questo monumento non viene finanziato. Nonostante sia pronto un progetto da 40mila euro realizzato in concorso con i vigili del fuoco per puntellare la struttura, per il suo restauro occorrono cifre molto diverse”. Altra richiesta di messa in sicurezza e ripristino riguarda i vari interventi necessari su alcuni cimiteri: a Bondeno si entra nel weekend con un servizio di accompagnamento dei vigili del fuoco volontari. “Credo che anche queste realtà – osserva Fabbri – debbano essere finanziate, per l’importanza che hanno per la nostra storia”. Ultima emergenza: “finanziata con 450mila euro la messa in sicurezza dell’argine diversivo a Scortichino, mentre un’altro problema sono le costruzioni collocate sulla sua sommità, per le quali stiamo cercando risposte per i cittadini che vi abitano e per le attività produttive”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa