Ven 17 Feb 2012 - 783 visite
Stampa

Dal gip la querela Marattin-Tavolazzi

L’assessore rinuncia all’opposizione. La difesa: “Critica politica”

Il gip si è riservato di decidere in merito alla querela sporta dall’assessore al Bilancio del Comune di Ferrara nei confronti del consigliere comunale di Progetto per Ferrara Valentino Tavolazzi. L’udienza si è tenuta ieri. Presente l’avvocato della difesa Carmelo Marcello, che ha presentato una memoria difensiva.

La querela per diffamazione intentata da Luigi Marattin era stata archiviata dalla procura, ma l’avvocato dell’assessore, Riccardo Caniato, aveva fatto opposizione, per poi fare rinuncia alla stessa opposizione alcuni giorni fa.

La vicenda risale al luglio 2011, quando l’assessore manifestò pubblicamente la propria intenzione di portare Tavolazzi in tribunale per diffamazione per una frase che avrebbe leso la sua dignità professionale (vai all’articolo).

Frase contenuta in una lettera, inviata anche alle redazioni dei media locali e pubblicata sul sito ufficiale di Progetto Per Ferrara, in cui Tavolazzi scrive che “temo che l’assessore Luigi Marattin abbia studiato male sia la storia che l’economia. Le sue repliche segnalano un deficit di conoscenza disarmante. Il fatto preoccupa non poco poiché, stante il suo doppio incarico, non è dato sapere se egli possa arrecare più danni al Comune (e quindi a tutti noi) come assessore, oppure alla formazione dei suoi studenti, come docente”.

Una parte che lederebbe, secondo il denunciante (ex) “le capacità professionali dell’assessore nella sua funzione di docente di Economia Politica presso il Dipartimento di Scienze Economiche dell’Università di Bologna”.

Le argomentazioni sviscerate ieri nell’aula del gip dalla difesa contemplano il fatto che “si tratta della risposta a una provocazione del giorno prima, fatta da Marattin a mezzo stampa, nella quale si contestavano a Tavolazzi “errori da studente del primo anno” – spiega l’avvocato Marcello -. Inoltre il mio assistito ha usato un artificio retorico ma solo per fini comunicativi, non per ledere la professionalità dell’assessore”.

Secondo la difesa “siamo nell’ambito della critica politica, che si inserisce nel dibattito sul derivato, innescato già con il predecessore di Marattin, un tema di notevole interesse pubblico”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa