Mer 20 Lug 2011 - 2781 visite
Stampa

Marattin querela Tavolazzi

Un intervento del consigliere lederebbe le capacità professionali dell’assessore

Dopo la battaglia a colpi di pallottoliere, ora tra Marattin e Tavolazzi la sfida continuerà in tribunale. L’assessore al Bilancio del Comune di Ferrara annuncia che sporgerà querela per diffamazione in riferimento alle affermazioni fatte dal consigliere nella prima parte del suo ultimo intervento pubblicato sul sito ufficiale di Progetto Per Ferrara.

Nella lettera, inviata anche alle redazioni dei media locali, Tavolazzi scrive che “temo che l’assessore Luigi Marattin abbia studiato male sia la storia che l’economia. Le sue repliche segnalano un deficit di conoscenza disarmante. Il fatto preoccupa non poco poiché, stante il suo doppio incarico, non è dato sapere se egli possa arrecare più danni al Comune (e quindi a tutti noi) come assessore, oppure alla formazione dei suoi studenti, come docente”.

Una parte che lederebbe, secondo il denunciante “le capacità professionali dell’assessore nella sua funzione di docente di Economia Politica presso il Dipartimento di Scienze Economiche dell’Università di Bologna”.

“Il riferimento all’attività professionale – afferma Marattin – (su cui dal punto di vista legale si esprimerà la magistratura) è censurabile sia dal punto di vista umano che politico. La politica non si fa con le querele. Tuttavia al consigliere Tavolazzi è stato troppo a lungo permesso di raccontare inesattezze tecniche e di inquinare il dibattito politico con l’insulto e con un ingiustificato senso di superiorità”.

“Le inesattezze tecniche delle critiche infondate di Tavolazzi – continua l’assessore – sono state (e lo sono ogni giorno) smontate punto su punto, come testimoniato da ogni cittadino che abbia avuto la pazienza di assistere ai Consigli Comunali, ai confronti in Commissione o agli scambi sui mezzi di informazione. E’ evidentemente arrivato il momento di smontare anche con una bella querela la tecnica dell’insulto, con cui Tavolazzi sostituisce il serio e pacato confronto politico”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa