Ven 9 Giu 2023 - 1952 visite
Stampa

Mafia nigeriana, Balboni: “I ferraresi da oggi possano sentirsi un po’ più sicuri”

Il senatore ricorda che Fratelli d'Italia fu il primo partito ad organizzare un corteo in Gad ancora nel 2014

“La sentenza del Tribunale di Ferrara che ha riconosciuto l’esistenza della mafia nigeriana anche nella nostra città e ha inflitto pesanti condanne a tutti gli imputati è un importante risultato per la Procura di Ferrara e le forze dell’ordine”. Lo afferma il senatore di Fratelli d’Italia Albero Balboni, presidente della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama, che ringrazia a nome di Fratelli d’Italia magistratura e Polizia “per il lavoro altamente qualificato e professionale che hanno svolto nell’interesse e a tutela di tutti i cittadini onesti”.

Secondo Balboni si tratta di “una vittoria della legalità sulla violenza e sulla criminalità che si stava impadronendo di interi quartieri di Ferrara. Si tratta ovviamente solo di una battaglia vinta, non va abbassata la guardia.  Soprattutto si tratta di una conferma chiara e incontrovertibile di quanto fossero fondati gli allarmi che Fratelli d’Italia lanciava già molti anni fa, tra lo scherno delle forze di sinistra e di molti esponenti dell’allora maggioranza del Pd, che accusavano la destra di propaganda e negavano l’evidenza solo per un malinteso senso di solidarietà nei confronti degli immigrati”.

E questo “non rendendosi conto che in quel modo non solo delegittimavano il lavoro degli inquirenti, mortificavano la domanda di sicurezza dei cittadini ferraresi, ma nuocevano anche agli stessi immigrati onesti, che per fortuna nulla hanno a condividere con i criminali che loro malgrado si annidano tra le loro fila”. 

Balboni ricorda che Fratelli d’Italia fu il primo partito ad organizzare un corteo in Gad ancora nel 2014 “per richiamare alla mobilitazione le forze politiche su questo grave tema” e che la stessa premier  Giorgia Meloni “più volte si è occupata dell’argomento venendo in città nel 2018 subito dopo i gravi disordini organizzati dalle bande di spacciatori lungo il viale della Stazione per rivendicare il controllo del territorio”.

“Ebbene – conclude il senatore -, dopo tanti anni, questa sentenza chiude una volta per tutte la polemica di chi ci rispondeva che si trattava soltanto di insicurezza percepita. La verità alla fine viene sempre a galla e sono lieto che con questo risultato tutti i ferraresi da oggi possano sentirsi un po’ più sicuri”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa