Gio 19 Gen 2023 - 899 visite
Stampa

Agente della Penitenziaria a processo per concussione: “Non sono stato io”

Cristiano Valentino ha deposto davanti al collegio giudicante. La prossima udienza è stata fissata per il 14 giugno, quando saranno sentiti due detenuti

È stato sentito ieri (mercoledì 18 gennaio) davanti al collegio giudicante, presieduto dal giudice Piera Tassoni, con a latere i giudici Alessandra Martinelli e Carlotta Franceschetti, l’assistente capo della polizia penitenziaria Cristiano Valentino, imputato per concussione, furto aggravato in concorso e istigazione non accolta a commettere un reato.

Nello specifico, l’uomo – secondo le accuse – avrebbe minacciato dei detenuti per ottenere sigarette e i soldi che arrivavano con i pacchi delle famiglie. E poi avrebbe fatto rubare l’auto di un suo superiore, con cui era da tempo in rotta di collisione, e istigato uno dei ristretti affinché desse fuoco all’automobile che gli rimaneva.

E proprio su questi ultimi due punti si è concentrato l’esame dell’imputato che, difeso dall’avvocato Denis Lovison, ha risposto alle domande avanzate della pm Isabella Cavallari, mantenendo la propria linea difensiva e negando con un secco “assolutamente no”  le presunte ripicche verso il suo superiore.

Durante l’udienza sono poi stati sentiti i colleghi di Cristiano Valentino, gli agenti Tronca, De Cristofaro, De Pasquale e Pasquariello che, nel corso della loro deposizione, rispetto ai reati di furto aggravato in concorso e istigazione non accolta a commettere un reato, a loro volta, hanno escluso il possibile coinvolgimento dell’imputato nei fatti.

L’udienza è stata rinviata al prossimo 14 giugno, quando saranno sentiti due detenuti, oggi non più in carcere a Ferrara.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa