Economia e Lavoro
11 Luglio 2024
Gli agricoltori hanno attraversato Ferrara per chiedere supporto e vicinanza istituzionale al Prefetto, con oltre la metà dei Comuni presenti alla manifestazione. Fissata riunione per coordinare gli interventi necessari

La marcia di Coldiretti contro nutrie e fauna selvatica, in 500 al corteo

di Redazione | 4 min

Leggi anche

Giuliana Fabbri nuova direttrice sanitaria dell’Ausl di Ferrara

Giuliana Fabbri è stata nominata direttrice sanitaria dell’Azienda Usl di Ferrara in sostituzione di Emanuele Ciotti che dal primo agosto prenderà servizio come direttore sanitario della Città della Salute di Torino. La dottoressa Fabbri manterrà ad interim il ruolo di subcommissaria sanitaria dell’Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara

Granchio blu, nuovo stanziamento da un milione per sostenere lo smaltimento

Non tutti gli esemplari di granchio blu raccolti in questi mesi, durante l’emergenza che sta mettendo a durissima prova il settore della pesca e dell’acquacoltura nell’Alto Ferrarese, possono essere destinati alla commercializzazione. Una parte, infatti, non è adatta e va smaltita. Per sostenere quest’attività, la Regione ha approvato un nuovo bando da un milione di euro

Sanità. Fondazione Gimbe: “Emilia Romagna la migliore in Italia”

Quando si tratta di offrire ai cittadini le prestazioni sanitarie essenziali, siano esse gratuite o prevedano il pagamento di un ticket, l’Emilia-Romagna è la migliore regione d’Italia. Si conferma infatti prima seguita da Veneto, Toscana, Lombardia e Provincia Autonoma di Trento

Con compostezza, ordine ma determinazione, sono stati oltre 500 i soci di Coldiretti che, nonostante la caldissima giornata estiva, hanno preso parte alla manifestazione organizzata per dire basta all’annoso problema della presenza fuori controllo delle nutrie e dei danni da fauna selvatica.

Corteo che ha mosso da corso Martiri Libertà, per snodarsi, con alla testa i rappresentanti delle amministrazioni comunali che hanno condiviso la manifestazione, per i 4S e imboccare corso Ercole I d’Este, raggiungendo la sede della Prefettura di Ferrara.

“Non possiamo più tollerare oltre questa situazione che da troppi anni si trascina, senza arrivare ad una soluzione necessaria, ovvero il riequilibrio delle presenze faunistiche, in particolare delle nutrie nei nostri territori, che provocano problemi crescenti sia per gli agricoltori che per i cittadini”. Alessandro Visotti, direttore di Coldiretti Ferrara non ha dubbi e chiede, a nome dei soci e della dirigenza, misure più incisive, semplificazione e maggiore determinazione nell’applicare i piani regionali di controllo, specie nel caso della nutria che in quanto animale classificato nocivo può e deve essere eradicato dal territorio.

Per Federico Fugaroli, presidente provinciale di Coldiretti Ferrara, è stato importante avere la presenza di così tanti soci, e non di meno di così tanti amministratori locali, che hanno scelto di schierarsi e di ribadire che anche per i Comuni lo squilibrio faunistico e l’invasione (se ne stimano 2.500.000 nel ferrarese) della nutria sono un problema che deve essere affrontato.

“Siamo soddisfatti di come si è svolta la nostra manifestazione – precisa Fugaroli – con compostezza ed educazione, ma animata dal serio intento di dare un segnale preciso di insoddisfazione e di intolleranza se non cambieranno rapidamente le cose. Siamo convinti – conclude – che la buona volontà e l’impegno possano far fare passi in avanti importanti e necessari per arrivare a rispondere ai problemi che la situazione oggi ci presenta. Non servono norme o leggi nuove, serve voler applicare ciò che esiste avendo a cuore il futuro della nostra produzione agricola e il bene del territorio. Coldiretti c’è, ed è pronta a dare il proprio contributo di idee e di attività, in tutto il territorio, a fianco e delle autorità e delle istituzioni che hanno voce in capitolo”.

Al prefetto è stato consegnato, e discusso da una delegazione, un documento che denuncia la grave situazione relativa alla fauna e agli animali nocivi.

Al termine dell’incontro, a conclusione della manifestazione, il presidente Fugaroli ha annunciato la convocazione di una riunione tecnica allargata per affrontare le tematiche poste da Coldiretti già il prossimo venerdì 12 luglio, a 48 ore dall’iniziativa odierna.

Il corteo di Coldiretti ha suscitato interesse e curiosità da parte dei ferraresi e dei turisti, che hanno potuto vedere la presenza anche di 15 trattori con le insegne dell’organizzazione che per tutta la durata della manifestazione hanno stazionato sul sagrato del Duomo, mentre i produttori agricoli si preparavano alla marcia con cappellini, bandiere, fischietti e cartelli riportanti slogan contro le nutrie: da “chiuso per nutrie” a “noi seminiamo, le nutrie raccolgono”, a “nutrie pericolo per gli automobilisti”, a “stop invasione fauna selvatica”.

E sono state molte le presenze di sindaci o rappresentanti di comuni della nostra provincia, 15, compresa la Provincia di Ferrara con il suo presidente, che hanno dimostrato solidarietà ma anche interesse e determinazione nel risolvere una questione che da troppo tempo tiene banco, con necessità di interventi a livello locale per le strutture e infrastrutture che incidono nei bilanci in modo anche sensibile, oltre che essere motivo di disagio per i cittadini e che sono intervenuti pubblicamente nel corso della mattinata a motivare la loro presenza e a ringraziare Coldiretti per aver sollevato nuovamente e molto convintamente questo problema.

Coldiretti Ferrara a sua volta ha voluto ringraziare sentitamente le forze dell’ordine (Polizia, Carabinieri, Polizia Locale, Questura, Prefettura) e gli uffici del comune di Ferrara che hanno dato il loro contributo per la migliore riuscita della manifestazione, limitando il disagio ai ferraresi, pur con tante persone impegnate a sfilare per il bene comune oltre che delle proprie imprese e dei loro redditi.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com