Attualità
21 Giugno 2024
L’organizzazione racchiude le più importanti realtà mondiali che si occupano di diffondere e promuovere i benefici legati alla pianta

Kida Organic Forest aderisce all’Organizzazione mondiale Bambù

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Sanità. Fondazione Gimbe: “Emilia Romagna la migliore in Italia”

Quando si tratta di offrire ai cittadini le prestazioni sanitarie essenziali, siano esse gratuite o prevedano il pagamento di un ticket, l’Emilia-Romagna è la migliore regione d’Italia. Si conferma infatti prima seguita da Veneto, Toscana, Lombardia e Provincia Autonoma di Trento

Emesso ieri il francobollo dedicato al meteorite di Renazzo

Poste Italiane comunica che ieri, 21 luglio, è stato emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicato al meteorite di Renazzo, nel bicentenario dalla caduta

Kida organic forest di Ferrara, azienda agricola tra via Carretti e Pontegradella, ha aderito al Wbo. L’adesione alla prestigiosa organizzazione mondiale del bambù è avvenuta nei giorni scorsi.

L’organizzazione senza scopo di lucro con sede negli Stati Uniti racchiude le più importanti realtà mondiali, sia pubbliche che private, che si occupano di diffondere e promuovere i benefici legati all’ambiente e all’economia grazie a questa pianta.

L’organizzazione nata nel 1991 si è sviluppata e radicata in tutto il mondo, ha aderito al progetto “the bamboo city” lanciato a Dubai nel dicembre scorso che ha come tabella di marcia il rafforzamento della resilienza climatica con l’obbiettivo di raggiungere la neutralità del carbonio. I punti principali del “bamboo city” prevedono il rinverdimento urbano con coltivazioni di bambù di cui è nota la straordinaria velocità di crescita, la bonifica dei suoli attraverso il fitorisanamento, la moderazione delle temperature e il sequestro del carbonio. E’ una risorsa altamente rinnovabile che produce cibo in grade quantità e le piantagioni in città aiutano a ridurre l’inquinamento atmosferico creando parchi e corridoi di ossigeno.

Paolo Bruschi Presidente di Kida organic forest, azienda attiva da alcuni anni su questi temi, si dichiara “molto soddisfatto di questa adesione” e si ripropone di “contribuire attivamente ad un progetto innovativo e coraggioso che potrebbe trovare nella città di Ferrara un luogo di efficace sperimentazione anche per via della sua posizione disagiata sul piano climatico”.

“Recentemente abbiamo avuto conferma della posizione poco felice di Ferrara per le giornate di caldo torrido e altre situazioni sfavorevoli – aggiunge Bruschi -. Siamo pronti a riproporre il nostro progetto di “città dentro al verde” sicuri di trovare un forte appoggio del Wbo oltre alle Istituzioni e organizzazioni locali”.

Kida ha recentemente fatto una stima del numero di piante di bambù distribuite nei 12 ettari dell’azienda. Ad oggi sono presenti circa 90.000 piante di Moso, 2500 di Madake, 500 di Dulcis e 2500 delle alte 8 specie colorate. In tutto quasi 100.000 piante che si raddoppieranno nei prossimi due anni arrivando prima del 2030 a superare le 400/450.000.

Numeri impressionanti non paragonabili a qualsiasi altra pianta sia come velocità di crescita che di assorbimento di carbonio: recenti studi di diverse università italiane parlano di oltre 250 volte di capacità di assorbimento del bambù rispetto a boschi di conifere.

Kida ha inoltre deciso di promuovere e sostenere nelle prossime settimane per il 2025 una borsa di studio su una tesi universitaria che metta al centro lo studio e l’approfondimento delle proprietà alimentari e organolettiche del germoglio di bambù.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com