Cronaca
27 Maggio 2024
Antonio Angelini e il fantino di San Luca forniscono la loro versione sui motivi del blitz dei carabinieri Forestali di Siena all'Ippodromo di Ferrara

Il co-proprietario di “Dubbio” e Pusceddu: “Niente scambio di identità, solo un documento scaduto”

(Foto di Pierluigi Benini)
di Redazione | 2 min

Leggi anche

Caccia al violentatore. Il dna potrebbe incastrarlo

Proseguono senza sosta le indagini della Squadra Mobile di Ferrara per identificare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

L’autista lo vuole far scendere e lui lo minaccia con un’accetta

Aveva preso un autobus per recarsi a Porto Garibaldi, ma il suo viaggio è finito all'interno di una vettura dei carabinieri. Un uomo di 47 anni, di nazionalità italiana, residente a Monza e con alcuni precedenti alle spalle, è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, interruzione pubblico servizio e porto di strumento atto a offendere

Sfrecciano in autostrada con una valigia con dentro 22 chili di droga

La Polizia stradale di Altedo nel corso di un controllo di un mezzo pesante nell’area di servizio Po Ovest, sull'autostrada A13, tra Ferrara e Rovigo, ha notato una Jeep Compass procedere a tutta velocità in direzione Bologna. Gli agenti si sono messi subito all'inseguimento del mezzo

Studentessa violentata in Rampari San Paolo. Caccia all’aggressore

Indagini serrate da parte degli uomini della Squadra Mobile di Ferrara, che in queste ore sono al lavoro per individuare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

Cadono calcinacci dalla Torre dei Leuti, sopralluogo dei pompieri

Sopralluogo e contestuali operazioni di messa in sicurezza per i vigili del fuoco che, nella mattinata di venerdì 21 giugno, poco prima delle 10, sono intervenuti in corso Porta Reno per la caduta di alcuni calcinacci lapidei dall'antica Torre dei Leuti, risalente al IX secolo

Il fermo del cavallo “Dubbio” del fantino Valter Pusceddu, che quest’anno corre per San Luca, sarebbe stato disposto dai carabinieri della Forestale per un documento scaduto, il coggins, per la valutazione in seguito ad analisi del sangue dell’anemia infettiva dei cavalli.

Smentisce così Antonio Angelini, il co-proprietario di Dubbio assieme a Pusceddu e altre persone, nonché proprietario dell’altro cavallo portato a Ferrara dal fantino, Arraju, la notizia pubblicata da Estense.com sul blitz del gruppo Forestale di Siena all’Ippodromo di Ferrara.

La smentita viene affidata alla Gazzetta di Siena e a parlare ai giornalisti senesi sono sia Angelini che lo stesso Pusceddu, che hanno fornito la loro versione dei fatti annunciando querele al nostro quotidiano per aver leso la loro immagine. Secondo Angelini, infatti, la ricostruzione fornita da Estense.com sarebbe “inverosimile”. Pusceddu, stando a quanto riferito dal co-proprietario del cavallo, sarebbe partito da Siena senza rendersi conto che Dubbio aveva il coggins scaduto. L’Asl se ne sarebbe accorta avvisando la Forestale, che avrebbe quindi stabilito il fermo. Mentre Arraju, viene assicurato da Angelini e Pusceddu, “è a postissimo, ha tutti i criteri della legge”.

Nulla a che vedere dunque, secondo i diretti interessati, con i sospetti di uno scambio di identità relativo ai cavalli presentati. Per un documento sanitario scaduto si sarebbero quindi scomodati i carabinieri Forestali da Siena fino a Ferrara.

Nella smentita Angelini insinua che il nostro quotidiano possa essere stato sollecitato da qualche rivale, mentre Pusceddu afferma a chiare lettere che “ho una rivale che vuole mettermi in difficoltà e hanno gonfiato tutto. Il tempo dirà la verità, ho la coscienza a posto. Correrò con Arraju il Palio, lo posso correre tranquillamente, ha tutto in regola”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com