Comacchio
15 Maggio 2024
I due uomini sono finiti a processo con l'accusa di violenza privata e lesioni in concorso. La presunta vittima sarebbe stata presa anche per il collo, impedendogli di respirare

Botte, spintoni e strattonamenti a un cliente. Due buttafuori finiscono nei guai

di Davide Soattin | 1 min

Leggi anche

Il Ferrara Basket domina gara 2 contro Fidenza

La truppa di Benedetto, trascinata dal suo capitano Matias Drigo, coadiuvato da un ottimo Kuvekalovic, non delude il proprio pubblico e si guadagna un’altra partita in casa della Fulgor Fidenza

Polizia penitenziaria, crisi d’organico senza fine all’Arginone

"La casa circondariale di Ferrara vive un momento di altissima tensione riscontrando una gravissima carenza di organico che non trova precedenti". La denuncia arriva da Francesco Campobasso, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonoma di polizia penitenziaria, che mette in guardia su una "situazione problematica da diversi anni, diventata sempre più insostenibile con evidente pregiudizio per il mantenimento della sicurezza al carcere di via Arginone"

Va dal legale per il divorzio e si scoprono tre anni di violenze del suocero

Un 72enne di nazionalità italiana sarà processato davanti al collegio del tribunale di Ferrara con la duplice accusa di stalking e violenza sessuale nei confronti della moglie di suo figlio, una 30enne di origini straniere, di cui avrebbe approfittato e abusato sotto ricatto, mentre la giovane viveva sotto il suo stesso tetto

Lido di Spina. Due buttafuori, un 46enne di nazionalità nigeriana e un 53enne cubano, sono finiti a processo in tribunale a Ferrara con l’accusa di violenza privata e lesioni – in concorso – nei confronti di un ragazzo italiano di 31 anni per fatti avvenuti il 27 giugno 2021 all’ingresso di un bagno del Lido di Spina.

Secondo l’impianto accusatorio, usando violenza e forza fisica, i due avrebbero picchiato, spinto e strattonato fino a far cadere a terra, con mosse repentine, il giovane che, mentre provava a rialzarsi, sarebbe stato preso anche per il collo, rischiando di non respirare.

Nella colluttazione, il 31enne avrebbe riportato lesioni, contusione ed escoriazioni multiple giudicate guaribili in venti giorni.

Ieri mattina (martedì 14 maggio) in tribunale a Ferrara si sarebbe dovuta tenere l’udienza predibattimentale del processo che però, a causa di un difetto di notifica, è stata rinviata al 18 giugno.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com