Attualità
25 Aprile 2024
La segretaria Mirella Boschetti: "La filiera dell’attività chirurgica ha già un’organizzazione e un sistema di controllo del lavoro collaudato, non c'è bisogno delle costose telecamere di videosorveglianza del progetto Control Room"

“Grande Fratello in sala operatoria”: protesta il sindacato Fials

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Polizia penitenziaria, crisi d’organico senza fine all’Arginone

"La casa circondariale di Ferrara vive un momento di altissima tensione riscontrando una gravissima carenza di organico che non trova precedenti". La denuncia arriva da Francesco Campobasso, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonoma di polizia penitenziaria, che mette in guardia su una "situazione problematica da diversi anni, diventata sempre più insostenibile con evidente pregiudizio per il mantenimento della sicurezza al carcere di via Arginone"

Il miglior gelato in Australia è ferrarese

Il miglior fiordilatte dello stato del Queensland, in Australia? E’ di un ferrarese. Si chiama Mirko Paparella, 37enne nato e cresciuto nella città estense, che nel 2015 ha deciso di trasferirsi e cercare fortuna all’estero

Al sindacato Fials non piace affatto il progetto “Control Room” delle due Aziende Sanitarie ferraresi, che chiama con accezione negativa il “Grande Fratello in sala operatoria”, segnalando a tal riguardo il malumore tra i professionisti coinvolti.

Non si sentono tranquilli gli infermieri e gli Oss dopo l’accordo firmato dalle due Aziende Sanitarie ferraresi e la quasi totalità dei sindacati del comparto e della dirigenza medica – incalza la segretaria generale territoriale Mirella Boschetti – che spiana la strada all’installazione di telecamere di videosorveglianza in ognuna delle 22 sale operatorie di Cona e, a seguire, nelle sale operatorie dei nosocomi Ausl: Delta, Cento, Argenta”. Telecamere di videosorveglianza che “non hanno la funzione di proteggere gli operatori da eventuali atti di violenza, o le apparecchiature da eventuali atti vandalici o furti, ma che dovrebbero servire al “miglioramento del percorso del paziente chirurgico ed efficientamento delle sale operatorie con ricadute favorevoli sullo smaltimento delle liste di attesa”. Tale progetto sta provocando un forte disagio tra i professionisti coinvolti che già avvertono il peso di un controllo continuo, in ogni momento dell’attività lavorativa, dall’occhio che tutto vede”.

Mirella Boschetti solleva forti dubbi sul rispetto della privacy dei lavoratori, “per le caratteristiche insite nel luogo di lavoro, per l’identificabilità dovuta alla postazione occupata e sull’eventuale eccessivo controllo della performance”. Per la Fials, dunque, non vi sarebbe bisogno del “Grande Fratello” per ottimizzare l’attuale organizzazione del lavoro nelle sale operatorie: “Appare lacunosa l‘informativa fornita inerente la Control Room che dovrebbe funzionare a Iso Risorse, installata nella sala d’attesa adiacente le sale operatorie, in uso ai familiari dell’operando. La filiera dell’attività chirurgica ha già un’organizzazione e un sistema di controllo del lavoro collaudato”. “A Cona – riferisce infatti Boschetti – con 22 sale operatorie, è in uso il software regionale Ormaweb in cui vengono immessi i dati di avanzamento dei lavori pre-durante-post intervento chirurgico, vengono stilati i programmi operatori settimanali con relative note operatorie, funziona un collaudato “sistema di chiamata” per inizio operazione chirurgica”.

“Sono inoltre presenti nella Piastra Operatoria con incarichi organizzativi 5 professionisti – aggiunge – di cui  3 coordinatori infermeiristici, 2 infermieri ex Posizione Organizzativa, nonché 2 infermieri in aiuto. Ma quanto verrà a costare il sistema di videosorveglianza di prossima installazione nelle sale operatorie di Cona e di futura installazione nei nosocomi Ausl di Cento, Delta, Argenta? Troppi i dubbi sui benefici reali di tale sistema di sorveglianza per l’ottimizzazione dell’organizzazione del lavoro, unica certezza lo stress continuo per i professionisti videosorvegliati. Cui prodest?  La somma prevista potrebbe certamente trovare un uso migliore considerato la situazione in cui versano le attrezzature sanitarie e gli ausili maggiori e minori nelle degenze dei quattro nosocomi”.

La Fials perciò “si riserva di consultare propri esperti in materia” e chiede alle Aziende Sanitarie ferraresi “lo stato dell’arte e il tempogramma relativo all’installazione e alla messa in funzione del sistema di videosorveglianza, nonché i costi sinora sostenuti e/o da sostenere, nonché i concreti benefici attesi, infine l’ubicazione della nuova sala di attesa per i parenti degli operandi”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com