La capra sulla rupe
9 Aprile 2024

Anatomia di un manifesto

di Alessandro Chiarelli | 2 min

Leggi anche

Un uomo che viene da lontano

È arrivato al GAD mentre c’era una rissa (chissà come lui sa sempre tutto in diretta), e mentre la giornalista osava filmare l’arresto di un nigeriano l’ha chiamata “comunista di merda”!

A Brave new world

Martedì Elon Musk di Tesla ha licenziato l’intera divisione che si occupa delle stazioni di ricarica rapida e gratuita “Supercharger”. Ha licenziato in tronco tutti: i due principali dirigenti del settore, e circa altri 500 dipendenti

Un ragionamento semplice

Quando gli animali scelgono il capobranco lo fanno in base ad indicatori prognostici della sua capacità di guidare e proteggere il gruppo. Per essere un capo nel regno animale sono importanti la forza fisica e l’intelligenza, la capacità di garantire la difesa dai predatori e quella di trovare cibo

Siamo fritti

Il festival che celebra Bud Spencer e Terence Hill può anche essere una occasione divertente, per noi boomer. Ero bambino quando Bud Spencer tirava schiaffoni e ribaltava i brutti ceffi dietro i banconi dei saloon

Il manifesto del Pd per Anselmo avrebbe lo scopo di seducere, nel senso etimologico di condurre a sé (se-ducere), e quindi convincere chi lo guarda della bontà della proposta politica, dell’affidabilità del candidato, della sua trasparenza, della sua riconoscibilità e competenza.

Facciamo un passo indietro.

Il solito psicodramma interno del Pd ha partorito la scelta di Anselmo. Calafà? Neanche a parlarne, non la conosce nessuno. Candidati interni? Ma figurarsi, il partito non esprime niente di presentabile, per cui serve un esterno. Fare le primarie? Macché primarie. Il congresso interno ha dovuto addirittura votare per un candidato unico, perché non era il momento di dividersi, hanno detto dalla regione quelli che di politica ne capiscono.

E ora, che il candidato plebiscitario è stato individuato nell’avvocato Anselmo, esce il manifesto col quale il Pd lo sostiene.

Allora guardi questa immagine, virata in una tonalità in cui, tutto – tutto quello che si vede – è ammantato di una patina rossastra che ricorda il sangue arterioso.

Sembra di essere in camera oscura.

Se in questo manifesto cerchi una qualsiasi luce non la trovi. La monocromia oscura ogni possibile vibrazione di colore e il volto del candidato si omologa allo sfondo, perdendosi, sciogliendosi nell’indistinto di un illeggibile magma rossastro.

L’impatto è respingente, persino fastidioso. Un’immagine inquietante.

A fianco del candidato, il simbolo del Pd emerge colorato, persino più grande del volto del papa straniero che hanno impalmato, e alla fine le due lettere P e D, sono l’unica, debole luce di tutto il manifesto.

Pavidi, insicuri, alla disperata ricerca di un papa straniero ma incapaci di sostenerlo davvero, ecco la cifra di un partito impossibilitato a vincere, ostaggio di una pulsione autodistruttiva che ogni volta si sublima nel sacrificio umano di chi accetta di rappresentarne i valori.

Non hanno avuto il coraggio di metterci la loro faccia sul manifesto, ma la generosità di dare luce a chi porta la loro bandiera, non c’è.

Ci vediamo tra altri cinque anni.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com