La capra sulla rupe
28 Febbraio 2024

Bullismo e cyberbullismo tra gli adolescenti, un tema elettorale

di Alessandro Chiarelli | 2 min

Leggi anche

Anatomia di un manifesto

Il manifesto del Pd per Anselmo avrebbe lo scopo di seducere, nel senso etimologico di condurre a sé (se-ducere), e quindi convincere chi lo guarda della bontà della proposta politica, dell’affidabilità del candidato, della sua trasparenza, della sua riconoscibilità e competenza

Siamo fritti

Il festival che celebra Bud Spencer e Terence Hill può anche essere una occasione divertente, per noi boomer. Ero bambino quando Bud Spencer tirava schiaffoni e ribaltava i brutti ceffi dietro i banconi dei saloon

Tre due uno…

Nemmeno il tempo di fare partire il conto alla rovescia per sapere quanto ci avrebbe messo, la sinistra, ad accendere una bella polemica interna, che eravamo già sulle prime pagine

Un giorno questo dolore ti sarà utile

Ogni cittadino ha diritto a difendere il suo onore in ogni sede giudiziaria. Tuttavia, un amministratore pubblico che querela il direttore di un giornale per diffamazione, non sta semplicemente esercitando un diritto...

L’estate che verrà (Io mi sto preparando, è questa la novità)

È un giugno schifosamente caldo, come nel 2019. Stesso caldo infernale, stessa sconfitta, anzi peggio. C’è da aspettare la conta dei voti per capire se vanno su i fratelli invece che il carroccio. Fatti una birra e non pensarci, dici. Ma figurati, se me la dovessi...

L’Istituto superiore di sanità ha pubblicato, all’inizio di quest’anno, i dati della ricerca effettuata sul bullismo e sul cyberbullismo nel mondo degli adolescenti. È stato analizzato un campione di 6388 classi scolastiche sparse su tutto il territorio nazionale, nell’ambito di una rilevazione che rientra nella Sorveglianza HBSC – Health Behaviour in School-aged Children, giunta alla sua sesta edizione, e che per la prima volta coinvolge anche i 17 enni, mentre le edizioni precedenti riguardavano solo ragazzi dagli 11 ai 15 anni.

I dati relativi all’incidenza di questo fenomeno sono sostanzialmente stabili. Secondo le risposte date dai ragazzi, sono circa il 15% quelli che sono stati vittime di bullismo o cyberbullismo.

Tale percentuale scende intorno al 6% alle scuole superiori.

Ma il dato davvero allarmante è che meno della metà degli adolescenti percepisce la propria salute come eccellente. A partire dai 13 anni, meno del 30% delle ragazze giudica la propria salute eccellente (la quota scende addirittura al 13% nelle 17enni, il che significa che 87 ragazze su 100 non stanno bene).

Quasi il 60% degli intervistati dichiara di soffrire di almeno due sintomi più di una volta alla settimana (mal di testa, mal di stomaco, mal di schiena, difficoltà ad addormentarsi, giramenti di testa, sentirsi giù di morale, sentirsi irritabili o di cattivo umore, sentirsi nervoso).

I numeri raggiungono percentuali ancora più allarmanti nel range tra i 15 e i 17 anni, con oltre l’80% di ragazzi sofferenti.

I dati del 2018 erano del 62%. Quindi la crescita del disagio è esponenziale.

Ecco, siccome stiamo parlando di una competenza del Comune, che è responsabile in via primaria rispetto alle politiche di prevenzione, cura e assistenza in favore degli adolescenti sarebbe interessante conoscere cosa hanno intenzione di fare i candidati sindaci per chi si sta affacciando alla vita adulta in un mondo privo di certezze e che incute tanto spavento.

I giovani sono la parte della comunità più fragile ed esposta alle angosce di questo tempo in cui le certezze paiono svaporare una ad una.

Sarebbe anche interessante sapere, a fronte di un aggravarsi della situazione, se i servizi del Comune sono stati potenziati, se c’è stato interesse per questo tema o se invece è stato trascurato.

Stiamo parlando dei ragazzi capite, del loro futuro, della loro felicità.

Stiamo parlando di poterli guardare negli occhi senza vergognarci.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com