Politica
9 Febbraio 2024
Presidio davanti alla prefettura nel ricordo del giovane guineano morto suicida nel Centro Permanenza Rimpatri di Ponte Galeria, a Roma. I manifestanti: "Basta con le politiche repressive volte a disumanizzare le persone"

Mai più Ousmane Sylla. Ferrara dice no ai Cpr

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Furti nelle Frazioni. “Giunta Fabbri assente”

Furti, prima il caso di Aguscello, poi quello di Malborghetto di Boara. "La giunta Fabbri si è dimenticata delle frazioni". È la sentenza dei consiglieri del Pd Maria Dall'Acuqa ed Elia Cusinato

Falsi green pass. Altri trenta no vax patteggiano

Altra tranche di patteggiamenti in tribunale a Ferrara per trenta no vax coinvolti nell'inchiesta Red Pass che, nel 2022, dietro il coordinamento della Procura di Ferrara, aveva portato gli uomini della Guardia di Finanza a scoperchiare un sistema di false vaccinazioni Covid per ottenere falsi green pass

Fatture false per ottenere contributi Covid, un 67enne è a processo

Un uomo di 67 anni è finito a processo in tribunale a Ferrara con l'accusa di tentata indebita percezione di erogazioni pubbliche dopo che, approfittando del suo ruolo di rappresentante legale di una società edile, avrebbe agito con l'intento di ottenere 134.835 euro a titolo di contributo a fondo perduto previsti per i soggetti che vennero colpiti dall'emergenza epidemiologica del Covid-19

di Elisa Fiorini

Decine e decine di persone hanno manifestato davanti alla prefettura contro i Cpr in Emilia-Romagna e in Italia. Cartelli, striscioni e bandiere, alcuni esponenti del mondo politico cittadino tra cui Ilaria Baraldi – consigliera del Partito Democratico – e Sergio Golinelli di Sinistra Italiana, oltre che una cinquantina di associazioni promotrici dell’iniziativa, tutti uniti per dire stop alla costruzione dei Centri di Permanenza per il Rimpatrio, nel ricordo di Ousmane Sylla, ragazzo guineano morto suicida nel Cpr di Ponte Galeria a Roma.

“Se un giorno dovessi morire, vorrei che il mio corpo fosse portato in Africa, mia madre ne sarebbe lieta. I militari italiani non capiscono nulla a parte il denaro, mi manca molto la mia Africa e anche mia madre. Non c’è bisogno di piangere su di me, la pace sia con la mia anima e che io possa riposare in pace“. queste sono le ultime parole del giovane, lette in apertura del presidio.

Dire basta all’apertura di nuovi Cpr, chiudere quelli esistenti: è questa la richiesta fatta dai manifestanti nella mattinata dell’8 febbraio, che descrivono questi luoghi come “contesti di limitazione della libertà personale per persone senza permesso di soggiorno”. “Si tratta di politiche repressive volte a disumanizzare le persone: i Cpr, come è stato spiegato, sono solo la punta di un iceberg che nasconde una serie di diritti umani e civili che la società non è in grado di garantire”. “Diritti che sono anche i nostri, perché lo straniero siamo noi”, è stato detto ai microfoni.

Durante la manifestazione, è stato effettuato anche il collegamento in parallelo con il presidio contro i Cpr che si stava svolgendo nella città di Bologna: i due gruppi di protesta si sono uniti per fornirsi reciproco supporto nel sostenere la lotta per la quale combattono entrambi in prima fila, unendo le proprie forze e le proprie voci. Alle 12 poi una delegazione delle persone presenti è stata ricevuta dal prefetto Massimo Marchesiello per esprimere la loro contrarietà alla costruzione di un Cpr non solo nella città di Ferrara, ma in tutta l’Italia.

La prossima mobilitazione regionale si svolgerà il 2 marzo a Ferrara.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com