Attualità
30 Gennaio 2024
Sgarbi conferma 5,5 milioni dal ministero. "Siamo agli atti finali con Banca d'Italia, domani mattina le firme"

L’ex palazzo della Banca d’Italia nuova sede per l’Archivio di Stato

di Pietro Perelli | 2 min

Leggi anche

La Polizia di Stato contro la violenza di genere

La Polizia di Stato rilancia “Questo non è amore”, la campagna permanente di comunicazione contro la violenza di genere, attraverso uno spot televisivo e sui canali social. Lo spot ricorda che la violenza sulle donne è un fenomeno che riguarda tutti noi, ogni giorno, non solo quando accade un fatto drammatico, quando celebriamo una triste ricorrenza o il 25 novembre, Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donn

Impegnati su più fronti i pescatori sportivi ferraresi

Ovviamente intensa in questo periodo dell’anno, l’attività dei pesca sportivi ferraresi impegnati su più fronti. Il Trofeo di Serie A2 ha disputato la seconda e terza prova sul campo di gara del Cavo Lama a Novi di Modena, canale che ha dato una buona resa con...

Ferrara Summer Festival. Il bilancio della Questura

Un periodo particolarmente intenso quello del Ferrara Summer Festival per la Questura di Ferrara che traccia un resoconto delle attività svolte che hanno visto l'impegno di 411 operatori tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale, oltre ai 22 funzionari che si sono alternati per dirigere ogni serata

Stanziati 5,5 milioni di euro dal Ministero della Cultura per quello che pare essere un ampliamento dell’Archivio di Stato di Ferrara che avrà così tra le sue sedi anche quella dell’ex palazzo della Banca d’Italia tra via Borgo Leoni ed Ercole primo d’Este in piazza Torquato Tasso.

“Siamo agli atti finali con Banca d’Italia” conferma ai nostri taccuini il sottosegretario Vittorio Sgarbi specificando anche che “domani in mattinata ci saranno le firme” per definire l’operazione di acquisto e per poter trasformare l’edificio in un’ulteriore sede dell’archivio. Sgarbi sottolinea anche come l’edificio non sarà solamente un luogo di archivio visto l’importante interesse culturale del palazzo.

Il cambio d’uso dell’edificio non sarà immediato e potrebbero essere necessari alcuni lavori per renderlo idoneo alla nuova funzione.

L’edificio compare infatti nella lista degli immobili in vendita della Banca d’Italia che specifica alcune caratteristiche come una superficie lorda di 8.951,58 mq, 4 piani più uno interrato, 14,80 m di altezza e una classe energetica D.

L’edificio dell’ex filiale fu costruito nel 1951 sulle rovine dell’antico palazzo Giglioli-Varano che aveva la sua entrata principale in via Borgo dei Leoni e ingresso secondario in via Ercole d’Este. Mentre la parte dell’edificio a prevalenza residenziale risale al 1600 e, si legge sempre sulla scheda realizzata dalla Banca d’Italia, “è realizzato con solai latero-cementizi e struttura portante verticale in muratura di mattoni”

Di questo seconda parte dello stesso complesso l’ingresso principale ha l’ingresso in via Borgo dei Leoni “tramite un atrio in mattoni faccia vista si accede ad un portico con soffitto a travi a vista in legno e colonne in marmo”. Di particolare interessa pare essere il muro settecentesco di recinzione della proprietà di via Ercole d’Este, “abbellito con motivi decorativi ondulati e aperture rotonde che consentono la vista sul giardino interno” ma anche “il portale intarsiato in marmi di vario genere che dà l’accesso al giardino attraverso un atrio con volta a crociera che sostiene un’elegante balaustra cinquecentesca”.

Ovviamente si tratta di un immobile sottoposto al vincolo di interesse storico artistico.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com