La capra sulla rupe
22 Gennaio 2024

Un giorno questo dolore ti sarà utile

di Alessandro Chiarelli | 3 min

Leggi anche

Tre due uno…

Nemmeno il tempo di fare partire il conto alla rovescia per sapere quanto ci avrebbe messo, la sinistra, ad accendere una bella polemica interna, che eravamo già sulle prime pagine

L’estate che verrà (Io mi sto preparando, è questa la novità)

È un giugno schifosamente caldo, come nel 2019. Stesso caldo infernale, stessa sconfitta, anzi peggio. C’è da aspettare la conta dei voti per capire se vanno su i fratelli invece che il carroccio. Fatti una birra e non pensarci, dici. Ma figurati, se me la dovessi...

Io non sono uno snob

“Io non sono uno snob. Chiedete a chiunque. Cioè, a chiunque conti qualcosa.” Simon Le Bon (sì, quello dei Duran Duran) Il sindaco dice al Vescovo che “dovrebbe prendersi i migranti nella sua reggia, perché è anche piuttosto vuota”.  Niente di nuovo. Il sindaco usa...

Piccola storia triste

Amo passeggiare con il mio cane nelle vie attorno a casa. Incontro persone con altri cani, ci faccio due chiacchiere; ma solo se i cani non si ringhiano, sennò giro largo e saluto da lontano. I cani, come gli uomini, hanno le loro simpatie. Abito nella periferia di...

Ieri, oggi, domani

Era difficile coniare uno slogan più efficace per descrivere, in due righe, l’orizzonte culturale di chi guida il paese oggi. Giorgia Meloni, primo ministro italiano, ad Atreju ha detto che essere conservatori significa vivere di ciò che è eterno ed ha ribadito...

Ogni cittadino ha diritto a difendere il suo onore in ogni sede giudiziaria.

Tuttavia, un amministratore pubblico che querela il direttore di un giornale per diffamazione, non sta semplicemente esercitando un diritto, che ha al pari di tutti gli altri; fa molto di più. Un ministro, così come un sindaco, o un qualsiasi politico eletto, nel momento in cui querela un giornalista, altera l‘equilibrio dei poteri che è alla base di ogni democrazia.

Può accadere che le critiche facciano male, può accadere che i toni non siano sempre perfetti, può accadere persino che ci siano persone più simpatiche e altre meno e tuttavia, la prassi democratica richiede alla politica di riconoscere, e rispettare, la funzione indispensabile che il giornalismo ha per la salute di una società.

Ecco perché l’amministratore pubblico che ha interiorizzato i valori fondanti di una democrazia, se anche è oggetto di critiche pesanti, sa che deve guardare oltre, oltre il proprio ego, oltre la propria ferita, oltre l‘interesse di parte politica.

Sa che alla querela deve saper rinunciare perché è così che difende l‘interesse generale, come è suo mandato fare.

Il giornalista ha una compito troppo importante, ed è essenziale che possa svolgerlo senza minacce, libero di sorvegliare le modalità di gestione del potere, libero di parlare senza paura.

Il politico democratico sa che la funzione della stampa, non meno di quella degli amministratori eletti dal popolo, ha la dignità delle cose sacre.

Sa che senza giornalismo la democrazia muore.

Muore perché la democrazia ha bisogno del giornalismo di denuncia come il corpo umano ha bisogno del dolore. Il dolore è spiacevole: nessuno ama sentirlo. Tuttavia il dolore protegge l’organismo e lo salva, anche da se stesso.

In termini evoluzionistici, il dolore è un sistema di allarme sensoriale che esiste con lo scopo preciso di segnalare rapidamente che l‘organismo sta subendo un danno.

In termini politici il diritto di critica e di inchiesta giornalistica, ha una funzione analoga a quella del dolore. È un sistema di allarme che avverte il corpo (sociale) che il sistema non funziona bene, e che potrebbero svilupparsi patologie.

Il giornalismo ha la stessa funzione del dolore e va ringraziato, non odiato, non perseguitato.

Esiste perché il corpo, sia umano che sociale, possa sapere che esiste un problema e avviare il processo di guarigione.

Ma quando si giudica il dolore un problema invece che una benedizione, quando si pretende di vivere anestetizzati, storditi dal consenso e dagli applausi, il nostro corpo, che sia umano o sociale non fa differenza, finisce per abbruttirsi, finisce per sformarsi, per ammalarsi.

Quando. invece di accogliere il dolore (o la critica giornalistica) come qualcosa di scomodo ma necessario, cerchiamo di sopprimere la sua funzione, il nostro corpo (umano o sociale che sia), diventa senza difese, perché niente più ci avverte di cosa non va.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com