Mesola
10 Novembre 2023
Il sindaco Padovani: “Con la riqualificazione dell’immobile dell’ex caserma dei carabinieri di Mesola si conclude uno dei cardini del programma di mandato"

Due milioni di Euro per la “Casa della Musica”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Terzo mandato. Padovani pronto a ricandidarsi a Mesola

“Getto il cuore oltre l’ostacolo”. Gianni Michele Padovani offre la sua disponibilità ad essere il candidato sindaco di Mesola per il terzo mandato consecutivo. Il nuovo decreto elezioni ha dato il via libera per allungare di un lustro l’esperienza amministrativa da primo cittadino nei comuni che hanno tra i 5 e i 10mila abitanti

Annegato a quattro anni. Si attende la Corte Costituzionale

È stata rinviata al 9 aprile, quando verrà discussa, l'udienza del processo per omicidio colposo a carico di Veronica Romanelli, la mamma del piccolo Maxsimiliano, il bambino di quattro anni che, il 12 luglio del 2020, annegò nella piscina grande dell'agriturismo Ca' Laura di Bosco Mesola

Controlli contro le stragi del sabato sera

Lo scorso fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Comacchio hanno intensificato i controlli per prevenire le c.d. stragi del sabato sera e per reprimere il traffico di stupefacenti impiegando dodici pattuglie sull’intero territorio di competenza

Operazione antimafia. Ai domiciliari un uomo residente a Mesola

I carabinieri di Mesola hanno eseguito nei confronti di un trentaquattrenne campano un'ordinanza di arresti domiciliari nel territorio del comune estense. All'interno di un'operazione per contrastare un'associazione a delinquere di stampo mafioso

Mesola. Il comune di Mesola ottiene 2.060.000 €, con una compartecipazione di 300.000 €, per finanziare il progetto “Casa della Musica”. Il finanziamento arriva nell’ambito della strategia Stami presentata lo scorso 8 novembre dall’assessore regionale Igor Taruffi nella sala del consiglio provinciale di Ferrara. Coinvolti i 9 comuni dell’Area Interna Basso Ferrarese (Riva del Po, Copparo, Tresignana, Mesola, Codigoro, Goro, Fiscaglia, Lagosanto e Jolanda di Savoia) per un progetto complessivo da nove milioni e mezzo di euro.

Il progetto prevede la ridefinizione dello spazio urbano attraverso un intervento che valorizzi l’ex caserma dei carabinieri di Mesola, destinandola alla “Casa della Musica” e l’area circostante, e che conseguentemente raccordi le aree di piazza della Vittoria, del Castello Estense e di tutta via Mazzini, via Scanno, realizzando un’area centrale che si pone come potenziale luogo di animata attività culturale di ampio respiro, un punto di riferimento per la promozione sociale, in grado di porsi come attivatore culturale per l’intera città.

“Con la riqualificazione dell’immobile dell’ex caserma dei carabinieri di Mesola – dichiara il sindaco Gianni Michele Padovani – si conclude uno dei cardini del programma di mandato, mettendo a disposizione della comunità di Mesola un luogo di ritrovo per tutti i cittadini, dove sarà possibile educarsi alla musica, predisporsi all’ascolto e socializzare.

Per quello che riguarda l’ex caserma gli interventi previsti saranno sulle facciate per la pulitura ed eliminazione di quelle che risultano essere superfetazioni e macchie, il consolidamento delle superfici murarie, il ripristino della sezione del muro con malte di calce idraulica o di resine consolidanti. Si provvederà inoltre al ripristino di cornici e lesene deteriorate. Anche in questo caso l’obiettivo è quello di realizzare una ristrutturazione di un manufatto storico tradotto comunque in chiave contemporanea per quanto riguarda la sua efficienza energetica.

La ridefinizione fisica di via Mazzini e la ristrutturazione dell’ex caserma dei carabinieri, costituiscono le finalità della proposta di riqualificazione di due luoghi in grado di riconnettere il centro della frazione capoluogo al resto della città, in quanto nei piccoli centri, attualmente appare indebolita la consuetudine del passeggiare e del ritrovarsi nel centro cittadino, anche tra giovani i cui luoghi d’incontro sono sempre più condizionati dalla possibilità di accedervi con l’automobile. Il ripensare il centro cittadino come luogo di socializzazione, pone il problema del suo funzionamento complessivo: accessibilità automobilistica, percorsi ciclopedonali, ricentralizzazione funzionale e creazione di nuovi punti di relazione urbana, riqualificazione funzionale e morfologica delle aree urbane centrali.

(Come era l’ex caserma e come sarà la Casa della Musica)

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com